17.9 C
Milano
27. 02. 2021 16:27

Un 2021 di bonus: tutti gli incentivi per il nuovo anno

Dai mobili agli occhiali, dalle auto elettriche alle tv: vademecum ai contributi previsti dalla Manovra

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Sarà un anno di bonus. Almeno sulla carta. Già, perché il catalogo di agevolazioni previste nella legge di Bilancio 2021 è davvero ampio, ma non per tutti: dalle ristrutturazioni alle televisioni, dalle auto elettriche ai mobili per la casa.

Per molti di questi contributi servono ancora i decreti attuativi, ma intanto anche il Ministero dell’Economia ha già redatto la cornice dentro la quale interverranno gli aiuti alle famiglie.

Modelli. L’Agenzia delle Entrate, ad esempio, ha già reso disponibili i modelli 2021 delle dichiarazioni 730, Certificazione Unica, Iva e 770, con le relative istruzioni. Quest’anno nel 730 entrano in campo il Superbonus al 110%, il trattamento integrativo per i redditi da lavoro dipendente e la detrazione per erogazioni liberali a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza Covid-19, mentre la nuova CU tiene conto delle novità a sostegno del lavoro e del premio previsto dal decreto Cura Italia per i lavoratori dipendenti che hanno prestato la propria attività nel mese di marzo 2020. Il modello Iva, inoltre, apre alle modifiche in tema di beni anti-Covid e alle semplificazioni in materia di dichiarazioni d’intento.

Nuovo 730. In particolare il nuovo 730 tiene conto anche del bonus vacanze, del credito d’imposta per l’acquisto di monopattini elettrici e servizi per la mobilità elettrica. Nel modello Iva 2021, invece, si evidenziano l’esenzione per le cessioni di beni necessari per il contenimento e la gestione dell’emergenza Covid-19, l’estensione del regime forfetario all’attività di oleoturismo, alcune modifiche alla disciplina delle prestazioni di servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione ed elettronici rese a committenti non soggetti passivi, nonché un nuovo rigo riservato ai soggetti che hanno usufruito dei provvedimenti agevolativi di sospensione dei versamenti emanati a seguito dell’emergenza sanitaria.

TUTTE LE AGEVOLAZIONI

Il Kit digitalizzazione

Per le famiglie con reddito Isee sotto 20.000 euro è previsto un contributo, denominato “kit digitalizzazione” che comprende smartphone in comodato d’uso, internet gratis per un anno, l’abbonamento a due «organi di stampa» e l’app IO per i pagamenti digitali alla Pubblica Amministrazione e il cashback di Stato. Il beneficio è concesso a un solo soggetto per nucleo familiare. Per poter ottenere il kit occorre avere la Spid, ma il decreto attuativo non sarà pronto prima di marzo.

Nuovi sanitari

La Manovra 2021 ha stanziato 20 milioni di euro per un “bonus idrico” da 1.000 euro per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia resistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso di acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari. Ci vogliono ancora due mesi per il decreto del Ministero dell’Ambiente.

Bonus occhiali

C’è anche il “bonus vista” per l’acquisto di occhiali da vista e lenti a contatto, rivolto alle fasce di reddito meno abbienti. Si tratterà di un voucher di 50 euro da spendere direttamente in negozio, sotto forma di sconto, a favore dei membri dei nuclei familiari in una condizione economica corrispondente a un valore Isee non superiore a 10.000 euro. Il decreto attuativo arriverà non prima di febbraio.

Mezzi elettrici

Nuovi incentivi per la mobilità elettrica. Ci sono a disposizione 2.000 euro per l’acquisto di veicoli elettrici e ibridi, che si aggiungono agli incentivi esistenti. Inoltre, arriva un bonus di 1.500 euro per gli Euro 6 di ultima generazione, in presenza di rottamazione dell’usato e con sconto aggiuntivo di 2.000 euro da richiedere direttamente al venditore. Si attende un apposito decreto dei Ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico, non prima di febbraio.

Via i vecchi televisori

Con ulteriori 100 milioni di euro, la Manovra 2021 estende il cosiddetto “bonus tv” per cambiare i vecchi televisori e arrivare pronti all’appuntamento con le nuove tecnologie di digitale terrestre DVBT2. Il contributo viene erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore sul prezzo del prodotto acquistato. Per ottenere lo sconto, i cittadini con reddito Isee non superiore a 20.000 euro dovranno presentare al venditore una richiesta per acquistare una TV o un decoder beneficiando del bonus.

Arredamenti rinnovati

Sale a 16.000 euro il tetto per ottenere il “bonus mobili” attraverso la detrazione al 50% delle spese sostenute per acquistare arredamenti ed elettrodomestici. Le modalità resteranno invariate rispetto allo scorso anno: di conseguenza, servirà certificare anche un intervento di ristrutturazione edilizia avvenuto non prima del 1° gennaio 2020.

Superbonus 110%

Fino al 2022 resta il Superbonus al 110% per gli interventi edilizi, anche condominiali. L’agevolazione è stata pensata anche per consentire il completamento di lavori, avviati nel 2020. Cosa cambia? Di fatto, se entro giugno 2022 sono stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo, la detrazione al 110% potrà essere estesa anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022.

Acqua pulita

Nella Manovra è stato inserito anche un bonus di 1.000 euro a persona destinato ad esercenti ed enti del Terzo Settore per acquisto e installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare. Il contributo sale a 5.000 per società e associazioni sotto forma di credito di imposta del 50% delle spese.

Affitti leggeri

Nel corso del 2021 i proprietari che riducono il canone di affitto di immobili situati nei Comuni ad alta tensione abitativa e che siano abitazioni principali del locatario possono ottenere un credito d’imposta fino al 50% della riduzione del canone, entro il limite massimo annuo di 1.200 euro per singolo locatore. Servirà una circolare dell’Agenzia delle Entrate per rendere esecutiva questa misura.

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...