16.9 C
Milano
19. 05. 2024 09:20

Elettrodomestici in casa, quali sono quelli che consumano di più?

Più letti

Ultimamente le famiglie italiane sono state colpite da una serie di rincari evidenti, soprattutto se si fa riferimento al costo del gas e dell’energia elettrica. Questo implica la necessità di adottare una serie di strategie per risparmiare, e per evitare che gli importi possano superare una determinata soglia. È chiaro che da questo punto di vista impattano soprattutto gli elettrodomestici in casa, dato che alcuni consumano grandi quantità di energia.

Consumi: in base a cosa variano e come si calcolano

Ogni apparecchio elettronico consuma, e questa regola vale ovviamente anche per gli elettrodomestici. Il problema è capire esattamente quanto consumano, ma esistono alcune formule che possono aiutare ad ottenere un risultato piuttosto preciso. 

Nello specifico, basta prendere dalla scheda tecnica la potenza dell’elettrodomestico e moltiplicarla per il tempo di accensione, così da ottenere il suo consumo. In seguito, il valore ottenuto in questo modo può essere a sua volta moltiplicato per il costo medio della bolletta, ottenendo la spesa mensile per quell’elettrodomestico. 

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Per operare tutti questi calcoli è necessario comprendere alcuni aspetti tecnici, con tutti i suoi concetti, e alcuni parametri specifici: Il kwh è infatti un valore fondamentale, in quanto fa riferimento alla quantità di kilowatt consumati ogni ora (parametro noto anche come kilowattora). Naturalmente ci sono altri fattori che possono influire, come il costo dell’energia, che varia in base alle condizioni del proprio contratto. Inoltre, alcuni elettrodomestici consumano più di altri, ed è a questi ultimi che dedicheremo il prossimo paragrafo.

Quali sono gli elettrodomestici in casa che consumano di più

Gli elettrodomestici che consumano tanto sono davvero molti e spesso il loro dispendio energetico varia in base alla stagione. Oltre a un esborso economico, però, quest’ultimi possono incidere negativamente anche sull’inquinamento del nostro ambiente. Non è infatti un caso che, spesso, alcuni cittadini ricorrano ad alcune guide che mostrano come si effettua un cambio di fornitore d’energia elettrica per impattare di meno. In questo modo si potrà andare alla ricerca di una soluzione più green, che unita alle conoscenze personali sui consumi potrà aiutare il pianeta. 

Per capire, dunque, a quale elettrodomestico fare più attenzione per evitare di l primo posto si trova il forno elettrico, soprattutto se parliamo dei modelli di vecchia generazione. Al contrario, i fornetti ventilati moderni abbassano i consumi, ma devono essere comunque utilizzati con attenzione. 

Il secondo posto di questa classifica spetta al condizionatore, che diventa il protagonista delle spese in bolletta durante la stagione estiva. Il terzo gradino del podio va al frigorifero, soprattutto considerando che è necessario tenerlo acceso costantemente, 24 ore su 24. Anche lo scaldabagno consuma molta energia, specialmente se si impostano delle temperature troppo alte, e se lo si utilizza di frequente e in modo incontrollato. 

Non potremmo poi non citare un altro elettrodomestico particolarmente noto per via dei consumi, ovvero la lavatrice. Anche qui fanno la differenza elementi come la classe energetica e l’utilizzo fatto, che può essere gestito intelligentemente usando i programmi ECO, a più basso consumo di energia. Proprio accanto alla lavatrice si trova la lavastoviglie, per la quale valgono le stesse accortezze. Si chiude nominando altri elettrodomestici connotati da consumi elevati, come le stufette elettriche, i fornetti a microonde, le asciugatrici e il ferro da stiro.

In breve

FantaMunicipio #30: così si fa più spazio ai pedoni in una Milano più green

Questa settimana registriamo due atti molto importanti per dare più spazio ai pedoni. Uno riguarda le varie misure proposte...