4.9 C
Milano
30. 11. 2022 20:41

Gac design lab a Milano: il design cinese all’assalto di via Tortona 

L’azienda, già partner di FCA e Stellantis, apre il suo primo studio di Car Design in Europa a Milano

Più letti

Il Gruppo GAC, azienda cinese operante nel settore dell’automotive, ha aperto il suo primo design lab a Milano, in via Tortona 16, nel pieno del quartiere per eccellenza del design milanese e italiano. Sarà un hub pronto ad accogliere talenti dall’Italia e da tutto il mondo e avrà l’obiettivo di progettare nuove vetture per le ambizioni globali del Gruppo. L’azienda, che ha sede a Guangzhou, ha già studi di design a Los Angeles e Shanghai, con i quali andrà ad interagire per creare un ecosistema di eccellenze globali destinato a progettare l’auto del futuro. 

Il GAC design lab di Milano

Il centro milanese ospiterà circa 25 professionisti che si occuperanno di progettazione, experience design e di visual brand: il team sarà composto da un gruppo eterogeneo di talenti Made in Italy insieme a designer, modellatori e progettisti che arriveranno a Milano dagli altri studi GAC in Cina e negli Stati Uniti. La città ricoprirà, dunque, un ruolo fondamentale di facilitatore di scambi e di condivisione di best practice a livello globale, riconfermando così il suo ruolo di leadership in ambito di design internazionale. A suggellare un legame ideale con la città anche la scelta di far sorgere il proprio centro di eccellenza in quello che fu lo studio di Giovanni Gastel, fotografo, scrittore e poeta milanese di fama internazionale recentemente scomparso.

Gas design Lab in via Tortona 16 a Milano-2
Gas design Lab in via Tortona 16 a Milano-2

Chi è GAC 

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato diverse personalità, tra le quali anche Fan Zhang, Vice President of R&D CENTER e Stephane Janin, direttore del centro di design di Milano: «Abbiamo scelto la città ci Milano come nostro primo hub europeo per la sua forte identità culturale e creativa che combina idee in movimento, innovazione ed eredità di stile e design. – le parole di Zhang Fan, Vice President of GAC R&D Center – Siamo certi che questo centro consentirà l’incontro di risorse creative e lo sviluppo di idee all’avanguardia tra il nostro Paese, l’Italia e il resto del mondo». 

Una città che ospita, basta che non si faccia schiacciare

Milano, dunque, si conferma ancora una volta una città che ospita e che integra. Altre culture, altre lingue, altri modi di essere, vivere e pensare. L’arrivo del GAC design lab in piena zona Tortona, in quello che è il quartiere del design per eccellenza, deve però far riflettere: l’importante sarà la convivenza e che nessuno calpesti piedi altrui. L’unione di intenti tra culture diverse può certamente aiutare, l’importante è che via Tortona non si trasformi in una nuova Chinatown.

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...