2.8 C
Milano
05. 12. 2020 09:43

I lavoratori dello spettacolo contro Franceschini: «Stiamo morendo di fame»

I lavoratori dello spettacolo attaccano il ministro Franceschini: i motivi

Più letti

Vaccini antinfluenzali, Fontana scrive alla Procura: «I miei dirigenti temono le vostre inchieste»

Sembra un paradosso, ma non è nient'altro che realtà. Il governatore Fontana scrive alla Procura per l'acquisto dei tanti...

Bollettino regionale, continua la discesa tra i reparti ospedalieri: Milano, +580

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.533, di cui 453 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.276...

Il manifesto sul portone del sindaco. Sala: «Non do torto agli studenti»

Un manifesto rosso con scritto «A Natale regalate la scuola».  Ecco cosa si è trovato davanti casa sua questa...

Poche ora fa il ministro della Cultura Dario Franceschini ha pubblicato un video in cui affermava che «chi protesta per i cinema e teatri non ha capito la gravità della situazione». Non è tardata ad arrivare la replica dei lavoratori e delle lavoratrici dello spettacolo lombardi.

Un settore “alla fame”. «Il valore della cultura come palliativo per le sofferenze della società non è “simbolico” – scrivono sulla propria pagina Facebook i lavoratori lombardi -. Magari le cose erano “simboliche” a marzo: si cantava dai balconi, si diceva “state a casa”. Ora niente simboli: ora c’è bisogno di concretezza.  E gli operatori non “riceveranno” danni materiali: ne sono stati travolti a marzo e ora stanno morendo di fame».

L’accusa di non aver percepito la gravità della situazione non è andata giù ai lavoratori. «Caro ministro, non siamo stupidi – hanno aggiunto -. Abbiamo capito benissimo tutto, dal primo giorno. Migliaia di figure del settore hanno capito benissimo la gravità della situazione, perchè in molte la stanno vivendo sulla propria pelle. Qua il problema è la mancanza di sostegno economico.  Caro Ministro, se continua così, quando la crisi sarà passata, probabilmente non ci sarà più nessuno a riaprire Teatri e Cinema, perché o la gente avrà cambiato lavoro, o sarà morta di fame».

 

In breve

Dalla Bicocca un algoritmo per stabilire chi dovrà fare per primo il vaccino anti-Covid

Chi farà per primo il vaccino anti-Covid? A stabilirlo potrebbe essere un algoritmo capace di indicare nomi e cognomi...

Bollettino regionale, continua la discesa tra i reparti ospedalieri: Milano, +580

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.533, di cui 453 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.276 oggi) e positivi che sale...

Il manifesto sul portone del sindaco. Sala: «Non do torto agli studenti»

Un manifesto rosso con scritto «A Natale regalate la scuola».  Ecco cosa si è trovato davanti casa sua questa mattina il sindaco Sala, il...

Movida Delivery, dal maritozzo del maestro Massari all’aperitivo di qualità

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione di Mi-Tomorrow dei migliori delivery. SAPORI...
00:03:19

Prosegue la protesta degli infermieri: «Non siamo eroi, ma chiediamo di più»

Questa mattina, davanti alla sede della Prefettura di Milano, si è riunito un piccolo gruppo di infermieri e sindacati con alcuni striscioni. «Ora rispetto...

Potrebbe interessarti