7.9 C
Milano
15. 04. 2021 06:50

Nonostante Area C, l’aria di Milano non migliora

La concentrazione di polveri sottili continua a non rientrare nei limiti nonostante i provvedimenti della Regione e del Comune di Milano

Più letti

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 4,2%, intensive -6, ricoveri -138, decessi +85

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.153 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

L’industria musicale: «Via libera al calcio? Una farsa»

«Se è possibile accedere in uno stadio con 16mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un...

Il giorno del vaccino: cronaca di un’esperienza diretta

Non solo code chilometriche di anziani ammassati in fila, magari sotto la pioggia, per ricevere il vaccino contro il...

Le centraline dell’Arpa hanno registrato un nuovo picco di Pm10 a Milano: nella giornata di ieri si è toccata una concentrazione di polveri sottili pari a 125 microgrammi per metro cubo nel capoluogo meneghino. Il limite massimo consentito secondo le normative europee è di 50 microgrammi per metro cubo.

I dati. Secondo i dati diffusi dall’Agenzia regionale per l’ambiente della Lombardia (Arpa), ieri le quattro centraline del capoluogo lombardo hanno rilevato 114 microgrammi per metro cubo di Pm10 in Marche, 110 in Pascal, 125 in Senato e 96 al Verziere. Situazione simile in provincia, con 115 a Pioltello-Limito, 75 a Cassano d’Adda, 96 a Magenta e 81 a Turbigo.

Per il momento le misure introdotte dal comune e della regione non sembrano portare a miglioramenti. Lo scorso 23 febbraio in tutta la Lombardia, tranne la provincia di Sondrio, sono state introdotte le misure antismog di primo livello. Il giorno successivo, il 24 febbraio, il comune di Milano ha riattivato le telecamere dell’Area C.

In breve

Maran: «Prorogare gratuità dell’occupazione del suolo pubblico per tutto il 2021»

«Ribadisco che è fondamentale che il Governo proroghi la gratuità dell'occupazione suolo pubblico per tutto il 2021 con i...