13.6 C
Milano
12. 05. 2021 23:37

Lombardia, primo produttore italiano di bici. Ma a Milano chi le usa?

Nonostante la produttività sia alta, i milanesi si stanno realmente convertendo alla mobilità sostenibile?

Più letti

In Lombardia si producono più bici di tutta Italia. Nella nostra regione sono presenti infatti 550 aziende fra costruttori, produttori di ricambi e accessori, noleggiatori e riparatori, per un fatturato che raggiunge quasi un miliardo di euro all’anno. Lo dice il rapporto Focus R2 di Legambiente, Confindustria Ancma e Ambiente Italia.

Piste. La Lombardia è la regione dove la due ruote viene più utilizzata, ma per la Confartigianato solo 213mila, fra lavoratori e studenti, la usano per spostarsi nel tragitto casa-lavoro o casa-scuola, su 7,2 milioni di cittadini attivi. Se consideriamo i metri dedicati alle piste ciclabili, Cremona, Mantova e Lodi risultano fra i primi cinque posti della classifica italiana (tra i 29 e i 33 metri ogni 100 abitanti), mentre Milano spunta solo al 58esimo posto con 4,2 metri.

bonus biciclette - Rossignoli

Bike sharing. Il capoluogo è invece al primo posto per numero di bici disponibili per il bike sharing (con una flotta di 13mila mezzi batte Firenze, che segue con 4mila) e per numero di noleggi (quasi sei milioni all’anno, anche se in calo rispetto al 2019). Milano è terza per numero di abbonati ai servizi di bike sharing (circa 330), dopo Mantova con 400 e Firenze con 765.

Con 2360 veicoli sempre la nostra città risulta al primo posto per numero di scooter a disposizione per lo sharing. In quanto a numero di colonnine di ricarica per i veicoli elettrici con 317 postazioni Milano è seconda a Firenze (410 postazioni). Nessun comune lombardo risulta invece nei primi cinque posti per il numero di velostazioni presenti, ovvero i parcheggi per le bici posti presso le stazioni ferroviarie.

Legambiente. Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia, ha commentato così i dati della ricerca: «In termini di produttività e innovazione la Lombardia non è certo seconda ad analoghe regioni europee, ma lo diventa quando consideriamo la propensione alla mobilità sostenibile, di cui una ciclabilità coerente e diffusa è il primo fattore qualificante. Le infrastrutture ciclabili da sole non bastano, serve disincentivare nel concreto la motorizzazione indiscriminata che viviamo tutti i giorni».

In breve

Torre Milano, completata la struttura esterna del “grattacielo” della Maggiolina

La Torre Milano, l'edificio di 80 metri composto da 23 piani in via Stresa a Milano, è in fase...