17.7 C
Milano
16. 06. 2024 01:41

Aiello presenta la sua nuova colonna sonora: «La mia estate con Talete»

Con l'arrivo di un nuovo singolo, il cantante presenta la sua vita milanese: «Ora abito a Porta Venezia, ma in città troverò ispirazioni anche per il prossimo album»

Più letti

Si chiama Talete (Epic/Sony Music) il nuovo singolo di Aiello, una personale colonna sonora sulla stagione alle porte. «Questo pezzo è autobiografico – racconta il cantautore calabrese di nascita e romano di adozione – e svela quanto puntualmente d’estate finisco per perdere la testa».

Aiello e il nuovo singolo Talete: «Un brano intenso nelle sue intenzioni, ma non manca la voglia di ballare»

L’estate, per te, è sinonimo di questo?
«Mi prendo una cotta a giugno, che divampa ad agosto e termina a settembre, tutte le volte. Mi piace credere che questa riesca a essere l’estate in cui si possa anche sfatare il mito delle storie che durano solo una stagione. È un brano intenso nelle sue intenzioni, ma non manca la voglia di ballare».

Come si riconosce nel videoclip.
«Sin da ragazzino ho sempre voluto improvvisarmi ballerino in un video. Ci tenevo a un racconto diverso, corale e al tempo stesso essenziale e geometrico, fuori dai cliché del classico video estivo. È pieno di energia buona, fresca, è sicuramente il video di cui sono più orgoglioso, lo devo alle coreografie di Irma Di Paola».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

“Sarai l’estate, un’altra storia bella da dimenticare”, citi nel brano. Consideri la tua una generazione in preda alla precarietà di sentimenti?
«Sicuramente in preda alla paura. L’esempio di chi come me ha vissuto con l’idea di amore assoluto, duraturo, maturato in famiglia, sente costantemente un vuoto. I social ci fanno sentire connessi con il mondo, ma continuano a isolarci, al contrario. Questa generazione ha paura di subire una delusione e si rassegna a storie brevi. Con questo brano vorrei indirizzare il trend verso altro».

Talete segna anche l’inizio di un nuovo percorso musicale?
«Lo si sentirà anche nel nuovo disco che arriverà entro il prossimo anno. Mi ispiro alla UK dance e al clubbing, pur mantenendo intatta la mia autentica sonorità meridionale».

La tua sarà un’estate anche milanese, per la prima volta.
«Per lavoro ho sempre viaggiato tra Roma, dove vivevo, e Milano. Dopo cinque anni passati in hotel e una vita da rockstar sempre con le valigie in mano, ho sentito la necessità di fermarmi e mettere le radici. Resto innamorato di Roma, ma spero di esserlo presto anche di Milano, una città che mi ha regalato tanta soddisfazione con il pubblico».

Quale zona hai scelto?
«Porta Venezia. Una zona residenziale, elegante e piena di vita, anche se ho scelto la sua parte più tranquilla. Qui, e in studio, verrà alla luce il nuovo disco, sono pronto a lasciarmi ispirare, in una estate di lavoro in città, con qualche fuga al mare».

In breve

FantaMunicipio #34: inizia la stagione dei maxi eventi estivi

Ippodromo San Siro, ippodromo La Maura, San Siro e adesso anche Quinto Romano con il Latin Festival. Milano è...