8.2 C
Milano
25. 04. 2024 09:23

Cacciapaglia torna in Conservatorio: «Qui ritrovo il mio arcobaleno invisibile»

Il pianista e compositore milanese presenta i brani dell'album Invisible Rainbows

Più letti

Dopo aver conquistato platee internazionali, Roberto Cacciapaglia torna in Italia – venerdì 26 maggio alle 21.00 in Conservatorio – per presentare l’album Invisible Rainbows, che ha debuttato in Italia al primo posto e al terzo in UK, nella classifica musica classica di Apple Music. «Credo che non ci debbano essere divisioni tra chi suona e chi ascolta – racconta a Mi-tomorrow – per cui lavorerò con il pubblico per coinvolgerlo, e con quello milanese sarà facile perché è quello di casa».

L’artista milanese Roberto Cacciapaglia torna  in Conservatorio per presentare i brani dell’album Invisible Rainbows

Che rapporto ha con Milano?
«Straordinario. La mia è una città che vive di esperienze mondiali, è in grado di aprirsi a tutte le frontiere, non ha gerarchia, è uno spazio di purezza assoluto, come l’arcobaleno. Mi piace pensarla come l’Invisible Rainbows del mio ultimo album: dopo l’oscurità di una tempesta, sa trovare quel raggio di luce che incita e porta alla speranza. Milano non abbandona la propria storia, ma pensa al futuro».

In Conservatorio si è anche diplomato, sotto la guida del maestro Bruno Bettinelli.
«Nei primi anni Settanta la mia “lotta” interiore tra musica e arte – difatti studiavo sia in Conservatorio che all’Accademia di Brera – vide vincere la prima sulla seconda. Al settimo anno in Conservatorio ebbi come maestro Luciano Chailly, poi Bettinelli fino al decimo. A quei tempi vivevo la Milano antica, abitavo in via Stoppani, a Porta Venezia, ed erano altre ere».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

E oggi?
«Noto come la costruzione edilizia abbia cambiato i connotati di questa città. Ho vissuto per un periodo anche in zona San Siro, quando attorno allo Stadio c’erano solo praterie e cascine: quella campagna fu di grande ispirazione, mi ha permesso di vivere una vita tranquilla. Tuttavia amo profondamente anche la Milano di oggi, in tutte le sue sfumature, la maggior parte dei pezzi li scrivo qui».

Venerdì 26 maggio alle 20.45
Conservatorio Giuseppe Verdi
Via Conservatorio, 12
Biglietti: da 28,75 euro su ticketone.it

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...