17.9 C
Milano
27. 02. 2021 16:54

Cinque domande a Inoki: «Ho un sacco di cose da dire»

Il rapper Inoki torna dopo 6 anni con Medioego

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Torni dopo 6 anni con Medioego. Inoki non ce la faceva più a tenersi dentro le cose?

«Assolutamente si. E ne ho ancora un sacco, dopo tantissimi anni di gavetta ritorno e ne voglio fare tantissime come se avessi quattordici anni».

Nel disco c’è tanto, dal boom bap alla drill, fino alle rime stile trap passando da brani con sonorità più pop. Un processo naturale o una scelta studiata?

«Io a tavolino cucino e basta, faccio solo roba da mangiare. È stata una cosa naturale, mi piace l’idea di essere trasversale».

Come nasce la collaborazione con Noemi?

«Ha iniziato a seguirmi su Instagram, io non sapevo chi fosse. Ci hanno pensato la mia ragazza e mia suocera. Ho iniziato ad ascoltarla e ho detto: “È un talento, un fenomeno”. Da lì ho iniziato a scriverle anch’io fino ad arrivare alla collaborazione. Spero sia solo l’inizio».

E con Salmo, dopo l’episodio del dissing?

«È nato tutto da un grande rispetto reciproco. Ho fatto il primo passo quando ha dissato Luchè dicendogli: “Almeno Inoki faceva freestyle e non mi metteva i commenti”. Ho colto la palla al balzo e gli ho detto: “Zio, guarda: ti sto scrivendo, rispondimi”. Da lì abbiamo iniziato a chattare e siamo diventati amici. Lui è un grande musicista e un grande artista. È stato un onore sentirmi dire che ha iniziato ascoltando Inoki».

Questo è un disco che ti avvicina alle nuove generazioni o ti aspetti un pubblico più adulto?

«Mi aspetto un po’ di tutto, non guardo l’età. Vorrei confrontarmi con più persone possibili: è quello l’obiettivo»

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...