24.1 C
Milano
29. 05. 2024 17:56

Da Milano a Pavia, in tour con Max Pezzali nelle “Discoteche abbandonate”, che danno il nome al nuovo singolo

«Si pensava che le discoteche fossero la causa di ogni degrado: le hanno chiuse ma il degrado è rimasto»

Più letti

«Anche se siamo fuori sede ricordatevi che è attività didattica, se vi comportate male parte il 7 in condotta». Ecco il Max Pezzali che meno ti aspetti, quello in versione professore delle medie, alla partenza della gita che da Milano ci ha portati alla sua Pavia. Obiettivo? Visitare le Discoteche abbandonate dove andava da ragazzino e che oggi hanno dato titolo e ispirazione all’inedito che esce il 15 aprile in radio e su Youtube, ma non sulle piattaforme, «per tornare – spiega – nella zona spazio temporale dove funzionava così».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mi-Tomorrow (@mi_tomorrow)

Da Milano a Pavia, in tour con Max Pezzali

Un momento del passato che Pezzali rievoca con un brano, scritto con Jacopo Ettorre e Michele Canova, che ne ha curato anche la produzione, nato grazie al libro ‘Disco Mute”, dove sono immortalati i locali che hanno fatto un’epoca, oggi in rovina. Luoghi che riprendono vita nel video, dedicato a Claudio Coccoluto e accompagnato dalle testimonianze di tanti dj: «Vedere quei luoghi straordinari, epici, oggi vuoti e vandalizzati, mi ha fatto pensare a quanto i luoghi spogliati dalle persone perdano il loro fascino, che rimane solo nella memoria, sembravano foto di una civiltà decaduta tipo Atlantide».
Max Pezzali, tour discoteche abbandonate
Max Pezzali, tour discoteche abbandonate

Le discoteche, il capro espiatorio

«A Pavia c’erano 2 discoteche e 106 farmacie, ora sono rimaste solo le 106 farmacie», scherza ancora citando la sua canzone Con un deca del 1992 mentre fa strada per le vie del centro, in direzione del Docking e dell’iconico Celebrità, al cui posto oggi c’è un garage.
«Sette volte su 10 non riuscivo ad entrare perché ho sempre avuto un problema col dress code, ma sentivo di far parte di qualcosa di più grande di me. Qui abbiamo scoperto la musica e l’altrove, per la mia generazione tutto è accaduto lì. Poi a un certo punto hanno chiuso perché la gente non sopportava più il rumore, si pensava che le discoteche fossero la causa di ogni degrado: le hanno chiuse ma il degrado è rimasto, sono state il capro espiatorio».

Quando esce l’ultima canzone di Max Pezzali

L’inedito in uscita lunedì entrerà anche nella scaletta del tour negli stadi, a San Siro il 30 giugno, l’1 e 2 luglio, dove i protagonisti delle canzoni degli 883 prenderanno forma di personaggi reali, in uno show che sa di cartoon. La piccola rivoluzione musicale partita da due compagni di banco di Pavia verrà raccontata anche nella serie Hanno ucciso l’Uomo Ragno – La vera storia degli 883, presto in onda su Sky, prodotta da Matteo Rovere e Sydney Sibilia.

In breve

FantaMunicipio #32: nuove pedonalizzazioni, ci vuole tattica per rallentare

Questa settimana torniamo a parlare di mobilità lenta, di sicurezza stradale e di pedonalizzazioni: sono infatti state approvate alcune...