7.5 C
Milano
03. 03. 2021 09:46

Il Moro, la band del figlio di Iacchetti si presenta: «Dai balconi quella carica giusta»

Il Moro pubblica Nuoteremo in mare, nato dopo dodici live milanesi in pieno lockdown

Più letti

Il primo Sanremo di Fulminacci: «Parlo dell’amore, ma non del mio»

Intelligenza emotiva, sapore cinematografico, quotidianità e genialità. Fulminacci porta il suo animo profondo e riflessivo per la prima volta...

Il nuovo look musicale di Ghemon: «Il peggio è alle spalle: ora sono io»

In attesa del nuovo album E vissero feriti e contenti in uscita il 19 marzo, Ghemon torna a Sanremo...

La rivincita di Bugo: «Vi sfido a conoscermi davvero»

Tredici mesi dopo l’esclusione di Sincero - presentata insieme a Morgan – Bugo torna in gara con E invece...

Nuoteremo in mare – disponibile su tutte le piattaforme digitali – è il nuovo singolo della band milanese Il Moro, capeggiata da Martino Iacchetti, figlio del noto Enzo. Il brano nasce dopo le dodici tappe del Non convenzionale Tour 2020, con cui il trio ha portato la propria musica sui balconi, i parchi e i cortili di Milano.

Martino, quando è nato il brano?

«Durante il primo lockdown, quando ogni giorno alle 18.00 in punto suonavo e cantavo dal mio balcone per il vicinato e per il pubblico social, collegato in diretta sulla pagina di Oltreunpo’ Teatro, la scuola di teatro milanese per cui lavoro. Dopo 52 giorni consecutivi l’abbiamo suonata per la prima volta dal vivo».

Quale esperienza a livello umano vi ha lasciato il Non convenzionale tour?

«Vedere tutti quei sorrisi che si affacciavano sui balconi e nei cortili, di persone alle quali non chiedevamo niente e loro non chiedevano niente a noi, ci ha inorgoglito parecchio. Abbiamo sentito una forte connessione. C’era solo la musica ed il forte bisogno di stare insieme».

Come sono state scelte le tappe del tour?

«Il primo live è partito da casa mia, in zona Ghisolfa/Mac Mahon, da dove è nata l’idea. Questi concerti non convenzionali hanno sortito un grosso entusiasmo, tanto che dopo il primo live di giugno hanno cominciato tutti a chiederci di suonare a casa loro, offrendoci i loro balconi e i loro giardini. Non credo ci ricapiterà mai di avvicinarci di nuovo a qualcosa di così tanto forte».

 

In breve

I Millenials sono già indebitati? Tanti prestiti nel 2020

Come è cambiato il rapporto dei millennials con il mondo del credito al consumo nell’anno della pandemia? Per rispondere...