bovisa drive in
bovisa drive in

Le rassegne di cinema all’aperto a Milano di certo non mancano, ma Bovisa drive-in ha indubbiamente un fascino particolare e non è un caso che l’esordio di metà giugno sia stato col botto (più di mille biglietti staccati e seimila presenze complessive).

Da venerdì a domenica nell’area ex Triennale di via Lambruschini 33 torna Bovisa Drive-in (bovisadrivein.it), il format ideato da Makers Hub e Re.Rurban Studio che, anche grazie al contributo del Comune di Milano tramite il bando FabriQ, propone una versione moderna e tecnologicamente avanzata del classico cinema all’americana, sì, quello da vedere comodamente seduti nella propria auto o su sdraio messe a disposizione dagli organizzatori.

Ogni volta un tema diverso e questa volta tocca al ballo: in proiezione (alle 20.30, biglietti 10/20 euro) i cult Grease, La febbre del sabato sera e Flashdance. Si andrà avanti fino a fine ottobre con rassegne cinematografiche, ma anche con tante iniziative parallele: ogni sera spazio a musica, dj-set, street food e giochi per adulti e bambini in un’area aperta gratuitamente a tutti dalle 18.00 alle 2.00.

«Abbiamo creato un mix di contenuti per coinvolgere quante più persone possibili e offrire loro un’opportunità di svago e intrattenimento di qualità» spiega a Mi-Tomorrow Paolo Liaci, co-fondatore di Re.Rurban Studio, nato dieci anni fa come associazione culturale e diventato una realtà di servizi integrati di progettazione per la comunicazione e il design.

Vi aspettavate questo successo?
«Sì, devo essere sincero, ce lo aspettavamo: eravamo abbastanza sicuri di quel che andavamo a proporre e siamo molto felici del riscontro da parte del pubblico, perché è un format nuovo e originale in cui crediamo molto».

Quale il valore aggiunto di Bovisa Drive-in rispetto alle tante altre arene estive e anche a qualche esperimento analogo del recente passato?
«Innanzitutto direi il brand: abbiamo voluto portare in alto il nome di Bovisa, mettendolo fin nel nome e nel logo, per rimarcare quanto per noi sia importante essere in periferia».

Poi?
«L’esperienza stessa del drive-in, che è veramente unica e completa: abbiamo, per esempio, dei dispositivi audio che consentono di godersi il film anche in lingua originale e c’è un servizio bar con consegna alla macchina. Attenzione, però: non è la caricatura di un drive-in americano degli anni Cinquanta, ma una nuova esperienza allo stesso tempo romanticamente nostalgica e innovativa, attualizzata. I party a corredo dei film completano il quadro: una proposta di qualità con musicisti e deejay di prim’ordine, il tutto a ingresso gratuito».

Si andrà avanti fino a fine ottobre, ogni volta con un tema diverso: qualche anticipazione sui prossimi argomenti?
«Dopo l’appuntamento di questo fine settimana, torniamo subito dal 12 al 14 luglio con una tre giorni a tema estate, mare, vacanze. Andremo avanti, poi, tra settembre e ottobre, seguendo un po’ anche la programmazione degli eventi di Milano e dintorni: per esempio, il primo weekend di settembre c’è il Gran Premio di Monza di Formula Uno e probabilmente anche noi parleremo di motori; più avanti, dal 17 al 23 settembre, andrà in scena la Fashion Week e anche noi ci concentreremo sulla moda».


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/