16.9 C
Milano
19. 05. 2024 11:05

Zapping cinema, gli Extraliscio dal palco di Sanremo al grande schermo

L'appuntamento settimanale col mondo del cinema

Più letti

FELLINOPOLIS

Dopo il passaggio alla Festa del Cinema di Roma 2020, Fellinopolis di Silvia Giulietti è finalmente arrivato nelle sale italiane grazie a Officine UBU. Un documentario che omaggia uno dei più importanti registi della storia del cinema nell’anno del centenario, un lavoro non privo di rischi ma con un risultato più che soddisfacente.

La regista, qui anche produttrice, ha ripescato gli Special – Backstage di Ferruccio Castronuovo sui set di Fred, La città delle donne e E la nave va, accompagnati dalle interviste ai più stretti collaboratori del Maestro, tra cui i premi Oscar Lina Wertmüller, Nicola Piovani e Dante Ferretti. Fellinopolis non è altro che il mondo di Fellini, la città immaginaria popolata dai suoi incredibili personaggi.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Si esplora il regista ma anche l’uomo attraverso gli aneddoti emozionanti di chi lo ha accompagnato nella sua formidabile carriera. Silvia Giulietti, già nota per ottimi doc che raccontano la settima arte, regala allo spettatore un Fellini a tutto tondo, tratteggiando le sfumature professionali e umane, tra sogni e ironie, tra carisma e passione. Degna di nota la grafica/animazione di Luca Siano.

Data: già disponibile
Paese: Italia
Durata: 80 minuti
Regia: Silvia Giulietti
Genere: documentario
Voto: 7

EXTRALISCIO – PUNK DA BALERA

Energia, amore per la musica ma anche novità, rottura: gli Extraliscio hanno conquistato tutti al Festival di Sanremo 2021 con la loro “Bianca luce nera”, canzone che rappresenta alla perfezione il loro mondo.

Elisabetta Sgarbi, artista a tutto tondo, ha dedicato al gruppo romagnolo – formato da Mirco Mariani, Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara – il film Extraliscio – Punk da Balera, che arriverà nelle sale italiane il 14, 15, 16 giugno con Nexo Digital. Presentato in anteprima alle Giornate degli Autori nell’ambito della 77. Mostra del Cinema di Venezia, il lungometraggio è semplicemente una meravigliosa dichiarazione d’amore. L’obiettivo è quello di portare il liscio non solo ai giovani, ma anche ai piani alti della musica tradizionale, visto che spesso viene considerato, a torto, un genere quasi di serie B.

Nel film troviamo tutte le anime degli Extraliscio, la loro musica esplosiva e travolgente, un punk da balera che parte dalle interpretazione delle musiche più classiche e le reinterpreta attraverso la contemporaneità, attraverso le rotture delle rotture elettriche. Tante le partecipazioni straordinarie, da Elio a Jovanotti, passando per Lodo Guenzi e Biagio Antonacci. Impossibile, infine, non citare le straordinarie animazioni di Igort.

Data: 14-15-16 giugno
Paese: Italia
Durata: 90 minuti
Regia: Elisabetta Sgarbi
Genere: documentario
Voto: 7,5

AWAKE

Cosa accadrebbe se l’umanità perdesse completamente la capacità di dormire? Da questa premessa a dir poco catastrofica inizia il viaggio di Awake, film di Mark Raso disponibile su Netflix. Un misterioso evento a livello globale disattiva tutti gli oggetti elettronici e toglie agli esseri umani la capacità di prendere sonno, gettando il pianeta nel caos. L’ex soldatessa Jill (Gina Rodriguez), vedova dal passato piuttosto turbolento, potrebbe avere l’unica speranza di una cura, rappresentata dalla figlia Matilda (Ariana Greenblatt)…

Uno dei principali meriti di Awake, scritto dal regista insieme al fratello Joseph Raso, è la capacità di tenere alta la tensione per tutta la durata del film, sulla scia di Bird Box. Purtroppo però non riesce ad andare oltre le ottime premesse iniziali, manifestando un’incapacità a sviluppare idee in grado di arricchire la trama, o anche solo in termini di costruzione dei personaggi.

Nonostante ciò, senza aspettarsi un capolavoro del thriller fantascientifico, lo spettatore trascorre un’ora e mezza abbastanza intensa. Gina Rodriguez si conferma un’ottima attrice, mentre la grande sorpresa è la piccola Ariana Greenblatt, sempre credibile anche nelle sequenze più delicate.

Piattaforma: Netflix
Data: già disponibile
Paese: Usa
Durata: 97 minuti
Regia: Mark Raso
Genere: thriller
Voto: 5,5

IN PRIMA LINEA

Un racconto corale per accendere i riflettori su chi c’è dietro la macchina fotografica nelle zone di guerra: In prima linea di Matteo Balsamo e Francesco Del Grosso è uno dei pochi documentari italiani in grado di tracciare un solco. Arrivato nelle sale italiane grazie a Trent Film, il film racconta la front line attraverso l’obiettivo di tredici fotoreporter, che con i loro scatti hanno mostrato l’inferno, gli orrori, le sofferenze e le cicatrici indelebili della guerra.

La prima linea citata già nel titolo non è solo la zona di guerra, di sangue, ma anche quella in cui si combatte quotidianamente per la sopravvivenza. Uno degli aspetti più interessanti del documentario è che i tredici fotoreporter raccontano le storie in modo diverso e con emozioni diverse. Balsamo e Del Grosso “restituiscono” il controcampo, ovvero chi c’è dietro la macchina fotografica, vale a dire uomini e donne, come noi.

Esseri umani che documentano il dramma della guerra e che devono fare i conti con emozioni costanti. In prima linea vanta un grande lavoro di ricerca, menzione speciale per il montaggio di Roberto Mariotti. Da non perdere.

Data: già disponibile
Paese: Italia
Durata: 83 minuti
Regia: Matteo Balsamo e Francesco Del Grosso
Genere: documentario
Voto: 7,5

In breve

FantaMunicipio #30: così si fa più spazio ai pedoni in una Milano più green

Questa settimana registriamo due atti molto importanti per dare più spazio ai pedoni. Uno riguarda le varie misure proposte...