8.1 C
Milano
23. 04. 2024 13:10

“Takeaway”, la crisi del 2008 arriva al cinema

Nel film l'ultima apparizione di Libero De Rienzo

Più letti

“Takeaway”, la recensione

Siamo nel 2008, agli albori della grande crisi finanziaria globale. Maria (Carlotta Antonelli) è un’atleta, una marciatrice. L’orgoglio di papà (Paolo Calabresi), che vorrebbe vederla coronare un sogno di successo. La mamma (Anna Ferruzzo), invece, è più scettica, sebbene Johnny (Libero De Rienzo), compagno della ragazza, che ha quasi il doppio dei suoi anni, sappia come tenere vivo il sogno di Maria e dei suoi genitori. Per questo motivo Johnny ha il frigo pieno di boccette, avendo aiutato molti giovani con sostanze illegali, nel suo passato da preparatore atletico.

Tom (Primo Reggiani) è uno di questi e sta cercando Johnny, ritenendolo responsabile del fatto che il doping gli ha rovinato carriera e salute…Takeaway è l’opera seconda di Renzo Carbonera e, soprattutto, segna l’ultima apparizione di Libero De Rienzo, scomparso recentemente. Una storia di doping, un tema delicato e poco trattato specialmente al cinema – Icarus e poco altro – Carbonera affronta la storia con un tatto, con umanità, soffermandosi sui rapporti umani. Alcuni passaggi della narrazione risultano un po’ troppo forzati, ma possiamo soprassedere. Cast ben assortito. E che grande perdita De Rienzo. Takeaway è distribuito da Fandango.

Già in sala

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Paese: Italia

Durata: 95 minuti

Regia: Renzo Carbonera

Genere: drammatico

Voto: 6,5

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...