8.2 C
Milano
04. 12. 2022 19:12

Il 12enne che terrorizza Milano con rapine e aggressioni: fermato 7 volte in un mese

Il ragazzino fugge continuamente dalle comunità per delinquere, ma non può essere arrestato

Più letti

Ormai la domanda delle forze dell’ordine non è più “se” ma “quando?”. Sono tutti convinti che Ahmed finirà ancora nei guai, sarà bloccato di nuovo, sarà spedito per l’ennesima volta in comunità e infine scapperà. Ahmed (nome di fantasia per tutelare la sua privacy) è un ragazzino marocchino 12 anni, non è imputabile e tecnicamente non può essere arrestato.

Un record non invidiabile

Però nell’ultimo mese è stato fermato 7 volte per furti e rapine a Milano. Un piccolo record senza vanto che sta creando un problema di gestione a chi puntualmente lo ferma e se lo vede ritornare in strada con qualche reato diverso che non gli si può contestare. Ahmed è comparso nel notiziario lunedì scorso, quando è stata diffusa la notizia della cattura di un ragazzino nordafricano, di cui non si conoscevano ancora le generalità e che diceva di avere meno di 14 anni.

furto ladro

Rolex scippato a Milano

Un’affermazione a cui nessuno ha creduto inizialmente a causa della struttura fisica e del motivo del fermo: lo scippo del Rolex da 27mila euro a un turista americano di 35 anni che lunedì sera stava passeggiando nella centralissima via Manzoni. Il ragazzino, assieme a un complice che è riuscito a scappare prima dell’arrivo del Radiomobile, ha aggredito la vittima spruzzandogli uno spray al peperoncino in faccia e poi gli ha strappato il Daytona dal braccio.

Baby delinquente

Quando i carabinieri lo hanno individuato ha tentato di disfarsi dell’orologio lanciandolo sotto un’auto ma questo ha solo consentito di recuperarlo per riconsegnarlo al proprietario, ripartito l’indomani per gli Stati Uniti. È stato necessario l’esame osseo del polso per accertare che in effetti aveva meno di 14 anni, più probabilmente 12. L’unica cosa certa è che nelle settimane precedenti era stato già fermato 4 volte per episodi simili.

La scabbia

Finito in una comunità a Genova, è rispuntato due giorni dopo all’angolo tra corso Buenos Aires e via Lazzaro Palazzi, dove ha scippato la collanina d’oro a una studentessa di 21 anni. Fermato nuovamente dai carabinieri, è stato accompagnato all’ospedale San Paolo perché sosteneva di avere la scabbia. Anche stavolta aveva ragione lui, i medici gli hanno riscontrato la malattia e hanno deciso di tenerlo in osservazione una notte per somministrargli la cura.

Fuggitivo

La sera stessa è fuggito ai controlli ed è ricomparso poche ore dopo nel piazzale davanti alla stazione Centrale, dove due turisti giapponesi hanno denunciato il furto della propria valigia lasciata momentaneamente incustodita. Ahmed è stato rintracciato in piazza Duca d’Aosta con una telecamera di proprietà dei giapponesi ma anche di un cellulare e una carta di credito di un’altra vittima derubata poco prima. Ora è affidato a un’altra comunità. Ma fino a quando?

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...