8.2 C
Milano
21. 02. 2024 02:44

Area B e C Milano, il necrologio della polizia: «È morto il dialogo»

Dal 17 ottobre i manifesti compariranno sui muri della città

Più letti

«Il sindaco ci nega anche il confronto. Un’Amministrazione comunale seria avrebbe previsto da sola che i poliziotti e le Forze dell’ordine tutte potessero arrivare a lavorare per la città, dati i turni di lavoro e le esigenze di quotidiana imprevedibilità del nostro lavoro». È la protesta contro le decisioni del Comune di Milano su Area B e Area C del sindacato FSP Polizia di Milano.

FSP, duro attacco a Sala

«Sala Sindaco invece afferma che siamo una categoria come tutte le altre – prosegue il sindacato -, aggiungendo al rifiuto di incontrare i rappresentanti sindacali dei poliziotti anche l’insulto dell’arroganza di chi vive nella propria autoreferenziale “Area C”, l’area “qui Comando io”», tuonano le Forze dell’ordine.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

I manifesti

Dal 17 ottobre, quindi, i milanesi troveranno sui muri della città un necrologio sulla ‘dipartita’ del dialogo con l’Amministrazione sul tema Area B e C. Un necrologio «che FSP Polizia di Stato di Milano ha regolarmente pagato affinché venga affisso, così che anche i cittadini siano informati e conoscano il volto di questa Amministrazione Comunale».

Area B e C, il sindaco va avanti

Dal canto suo Sala non è intenzionato a cambiare strategia su Area B e C. «In Italia siamo tutti un po’ ambientalisti alla macchina del caffè, e dopo facciamo fatica a cambiare – ha detto intervenendo al Festival delle città -. È anche evidente che non c’è una singola decisione presa per migliorare l’ambiente che non comporti un impatto sociale».

«La politica deve prendere decisioni»

Con i nuovi divieti in vigore in Area B «capisco che in tanti mi dicano che non hanno i soldi per cambiare la macchina e che bisognerebbe aspettare altri momenti – ha aggiunto Sala – ma il momento giusto non ci sarà mai». La politica, secondo il sindaco, «deve prendere decisioni. Credo che noi politici, in questa fase – ha concluso – dobbiamo essere più bravi, decisi e coerenti perché i tempi lo richiedono. Dobbiamo essere capaci di decidere».

In breve

FantaMunicipio #20: una città più a suon di musica

La notizia della settimana per la città riguarda senza dubbio la musica e la presentazione, effettuata nel corso di...
A2A
A2A