23.7 C
Milano
20. 06. 2024 04:39

I biglietti Atm verso un nuovo rincaro: ecco quanto costeranno

Il rischio per i cittadini è di vedere il prezzo del biglietto per il trasporto pubblico aumentare di altri 10 centesimi

Più letti

A Milano potrebbe scattare un nuovo aumento per i biglietti Atm, già aumentati a 2,20 euro lo scorso gennaio. Il 2 agosto si riunirà infatti l’assemblea dell’Agenzia di bacino del trasporto pubblico locale per deliberare gli aumenti Istat e il Comune dovrà poi decidere se coprire attingendo al proprio bilancio o aumentando il biglietto: il rischio per i cittadini è di vedere il prezzo del biglietto per il trasporto pubblico aumentare di altri 10 centesimi, per arrivare a 2,30 euro.

Biglietti Atm, le tariffe cambieranno ancora?

L’aumento tariffario derivante dall’adeguamento Istat vale circa 10 milioni di euro, come specificato in un ordine del giorno che la maggioranza al Comune di Milano ha approvato nell’ultimo Consiglio comunale di giovedì scorso, dal titolo ‘Adeguamento Istat trasporto pubblico locale’. In questo documento il centrosinistra chiede proprio a sindaco e giunta di farsi promotori con il governo e con la Regione Lombardia perché incrementino il fondo nazionale del trasporti e le risorse che la Regione destina al trasporto pubblico locale, in misura sufficiente per coprire i costi necessari ad evitare un aumento delle tariffe.

atm
Atm

Censi: «No al rincaro dei biglietti Atm»

«Il governo nazionale – si legge – e regionale sono in grado di coprire i costi di questi adeguamenti con fondi propri senza gravare ulteriormente sugli utenti e sulle amministrazioni locali». L’assessora alla Mobilità del Comune di Milano, Arianna Censi, ha più volte ribadito che il Comune non intende aumentare il biglietto e far pagare l’adeguamento Istat ai cittadini ma l’opposizione va all’attacco.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Biglietti Atm, l’attacco dell’opposizione

«Il 2 agosto l’assemblea dell’Agenzia di bacino approveranno l’adeguamento Istat con l’aumento delle tariffe – ha commentato il commissario cittadino della Lega e consigliere comunale Samuele Piscina – e il Comune ha fatto approvare alla sua maggioranza un ordine del giorno per non coprire i costi e fare lo scaricabarile a governo e Regione Lombardia. Guarda caso questo proprio prima della riunione dell’Agenzia. A coprire i costi deve essere il Comune, evitando l’aumento ai cittadini».

In breve

FantaMunicipio #35: con il Comune storia di gerarchie e di ascolti a metà

Piscina Scarioni e Chiaravalle: due ambiti per cui è interessare esaminare le mosse del Comune e il ruolo del...