23.7 C
Milano
20. 06. 2024 03:52

Cascina Corba, arriva il bando per darle una nuova vita

Il fabbricato, posto fra via Cascina Corba e via dei Gigli, è l'unico edificio ancora esistente di un complesso agricolo attestato dal XVII secolo

Più letti

Il Comune di Milano apre una gara pubblica per la scelta del nuovo concessionario di Cascina Corba, a Primaticcio. Le linee di indirizzo del bando, proposte dall’assessore al Bilancio e Patrimonio Emmanuel Conte, sono state approvate dalla giunta di Palazzo Marino: l’edificio avrà una destinazione ad uso commerciale e di ristorazione e, per l’assegnazione, saranno premiate le proposte di utilizzo che prevedono attività aggiuntive di tipo aggregativo o culturale e che coinvolgono territorio, scuole, associazioni e cittadini residenti.

Cascina Corba, una struttura storica

Il fabbricato oggetto della gara, posto fra via Cascina Corba e via dei Gigli, è l’unico edificio ancora esistente di un complesso agricolo attestato dal XVII secolo. Faceva parte di una delle grandi cascine che si estendevano nell’antico territorio di Porta Vercellina, nell’ovest di Milano. Di proprietà del Comune di Milano dal 1927, ha conservato l’originale struttura con mattoni a vista e un grande camino, è circondato da un’ampia area verde pertinenziale e si sviluppa su due piani per una superficie complessiva di circa 560 metri quadri.

Cascina Corba
Cascina Corba

Conte: «Cascina Corba patrimonio di Milano»

«Sono decine le storiche cascine, o le porzioni di queste sopravvissute – spiega l’assessore Conte – entrate a far parte del patrimonio del Comune. Alcune, date in concessione ad attività agricole, hanno mantenuto l’originale vocazione, attualizzandola con progetti di Food policy, esperienze di tutela del territorio e della biodiversità, laboratori per le scuole. Altre sono in disuso o nel tempo sono state utilizzate in modo diverso. Obiettivo dei bandi, come il prossimo per Cascina Corba, è valorizzare il patrimonio comunale in disuso da un punto di vista sociale, restituendo alla città e a coloro che la vivono un bene storico comune».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Cascina Corba, concessione di 12 anni

L’aggiudicazione avverrà secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e premierà la candidatura migliore per qualità estetica e valore sociale e culturale: la proposta sul canone annuo, infatti, peserà solo per i due quinti del punteggio, legato per la restante parte al progetto d’uso. Il canone annuo a base d’asta è di 89.493 euro e la durata della concessione sarà di 12 anni.

In breve

FantaMunicipio #35: con il Comune storia di gerarchie e di ascolti a metà

Piscina Scarioni e Chiaravalle: due ambiti per cui è interessare esaminare le mosse del Comune e il ruolo del...