3.9 C
Milano
27. 01. 2023 12:42

Cimitero Monumentale: la lapide per La Russa fa infuriare tutti

Polemiche su polemiche, ma intanto Vincenzo La Russa potrebbe diventare uno dei nuovi cittadini illustri ricordati nel Famedio

Più letti

Si chiama Vincenzo La Russa e potrebbe presto diventare uno dei cittadini illustri della città di Milano con una lapide intitolata alla sua memoria nell’immenso Cimitero Monumentale della città. La proposta, che ovviamente ha innescato una serie infinita di polemiche, arriva da un consigliere di Fratelli d’Italia.

Vincenzo La Russa, la proposta per intitolargli una lapide al Cimitero Monumentale 

La proposta è stata presentata da Andrea Mascaretti, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, il quale vuole a tutti i costi intitolare una lapide del Famedio del Cimitero Monumentale di Milano a Vincenzo La Russa, avvocato e politico democristiano, scomparso nel novembre del 2021, fratello di Ignazio e Romano La Russa. Mascaretti, che alle recenti elezioni politiche che hanno visto trionfare proprio il suo partito, è stato eletto alla Camera dei Deputati: qualche giorno fa aveva depositato la proposta, come accade ogni anno, al vaglio di un’apposita commissione comunale. Non avendo ricevuto risposta, l’aveva presentata una seconda volta; e, a questo giro, si è arrivati addirittura allo stop alla discussione, rinviando il tutto a data da destinarsi. 

La figura di Vincenzo la Russa 

A quanto pare la figura di Vincenzo La Russa è da ritenersi troppo schierata e divisiva. Consigliere provinciale, comunale, deputato e senatore, La Russa aveva sempre militato tra le fila della Democrazia Cristiana, in controtendenza con i due fratelli che avevano scelto il Movimento Sociale Italiano: «Ho ritenuto doveroso sospendere la commissione Famedio per fare una valutazione approfondita sull’opportunità di questa candidatura in un momento politico così delicato. – aveva precisato durante il Consiglio Comunale la presidente Elena Buscemi – l’obiettivo è tenere il Famedio al riparo da strumentalizzazioni. Ci è sembrata una forzatura politica e per questo ho deciso di prendere qualche giorno per ulteriori riflessioni e approfondimenti. Vorremmo evitare di trasformare una istituzione legata alla memoria collettiva in qualcosa di divisivo per la città».

La reazione di Mascaretti

Ovviamente Mascaretti ha rincarato la dose: «Vincenzo La Russa ha una storia importante, sono stupito che si cerchi di sollevare un caso intorno alla sua persona. Se qualcuno attribuisce a questa candidatura un significato diverso commette un grave errore. Il Famedio non è il luogo delle polemiche né dei veti. Sarebbe gravissimo se ci fosse una censura». C’è chi parla di rimandare di un anno l’inserimento di Vincenzo La Russa tra i cittadini illustri del Famedio.

In breve

FantaMunicipio #17: così le rotonde diventano piazze

Cantieri sempre aperti a Milano dove molte rotonde cambieranno pelle. La notizia della settimana è l'avvio dei cantieri per...