23.7 C
Milano
20. 06. 2024 04:50

Cinema Odeon, Sgarbi ferma tutto: «Bene storico, no ad una diversa destinazione d’uso»

Continua a far discutere la chiusura del multisala da 2500 posti

Più letti

Continua a far discutere la chiusura del cinema Odeon, multisala da 2500 posti che dopo quasi un secolo di vita è ora destinato a diventare un lussuoso centro commerciale. L’ultimo a intervenire in ordine di tempo è stato Vittorio Sgarbi, secondo cui «è necessario provvedere alla tutela e a tutte le garanzie per la sopravvivenza del teatro Odeon, contrastando una diversa destinazione d’uso che cancelli l’originaria funzione».

Cinema Odeon, le parole di sgarbi

«Condivido la decisione della sovrintendente Emanuela Carpani di collaborare con i Comuni per consentire la conservazione di un patrimonio architettonico attraverso un censimento del costruito storico su cui non poggia un vincolo ma, come per qualunque bene storico, è necessario salvaguardare perché espressione di uno stile architettonico. Soprattutto dopo l’abbattimento della palazzina storica di via Crema».

Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi

Cinema Odeon, la storia

Situato a pochi passi dal Duomo, il cinema Odeon viene costruito nel 1927, dove in precedenza sorgeva la centrale elettrica Santa Radegonda. Il suo nome deriva dal greco “ode” che significa “cantare”. Inizialmente infatti questa struttura è destinata a competizioni e gare musicali. Nel giro di poco tempo diventa un importante teatro milanese e poi un cinema multisala.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Per la nascita del cinema Odeon è fondamentale il contributo della famiglia Pittaluga, che negli anni ‘20 si occupa proprio di produzione cinematografica. L’edificio, costruito sul progetto degli architetti Giuseppe Laveni e Aldo Avati, viene inaugurato il 26 novembre 1929. In città c’è aria di festa e allo speciale evento, a cui si può accedere solo sotto invito, partecipano le più importanti autorità cittadine.

Il futuro del cinema Odeon

L’Odeon di Milano, storico simbolo della città tra via Santa Radegonda e via Agnello, si trasformerà ancora una volta grazie al restyling ideato da Progetto CMR per il Fondo Aediso, che ne è il proprietario. A completare il team anche l’advisor Realty Partners, ed i broker internazionali Italy Sotheby’s International Realty e Colliers International Italia.

La consegna del nuovo Odeon di Milano è prevista per il 2024: diventerà un hub esperienziale in cui al cinema The Space, ricollocato in più sale al piano interrato come parte integrante del modello, si affiancherà un gigantesco spazio retail di 5.000 metri quadri che rivoluzioneranno l’assetto urbano del centro cittadino.

In breve

FantaMunicipio #35: con il Comune storia di gerarchie e di ascolti a metà

Piscina Scarioni e Chiaravalle: due ambiti per cui è interessare esaminare le mosse del Comune e il ruolo del...