2.1 C
Milano
21. 01. 2021 06:26

Milano tra le città più intolleranti sui social: la mappa dell’odio dell’osservatorio Vox

L'osservatorio italiano sui diritti disegna la mappa dell'odio via social: ecco il piazzamento di Milano

Più letti

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«Basta, siamo stremati», una nuova protesta dei ristoratori: cesti di prodotti scaduti per il Prefetto

I ristoratori sono nuovamente sul piede di guerra. Domani andrà in scena una nuova manifestazione che si svolgerà al...

Terza ondata? Galli: «Al momento non ci sono segnali»

Quando arriverà la terza ondata? Molto probabilmento non ora. Ne è convinto il professor Massimo Galli, direttore del reparto...

Milano è una delle città più intolleranti su twitter. A dimostrarlo la “Mappa dell’intolleranza 5.0” disegnata da Vox, l’osservatorio italiano sui diritti che fotografa l’odio via social geolocalizzando i tweet.

La classifica. Milano sfiora solo il primato in questa poco onorevole classifica. Davanti a lei, Roma che lancia ogni anno 45,070 tweet d’odio contro i “soli” 18.026 milanesi. Il bersaglio dei cosiddetti leoni da tastiera si è focalizzato su tre categorie in particolare: donne, ebrei ed islamici.

Le principali donne nel mirino sono le lavoratrici, mentre l’odio razziale ha raggiunto dei picchi in occasione del compleanno di Liliana Segre e durante la liberazione di Silvia Romano.  Nell’anno della pandemia l’ odio si ramifica così secondo la statistica: ben il 49,91% è rivolto alle donne. A seguire ebrei (18,45%), migranti (14,40%), islamici (12,01%), omosessuali (3,28%) e disabili (1,95%).

vox mappa odio social

«Fattore determinante nell’analisi di quest’anno, che ha riguardato il periodo marzo – settembre 2020, è stato lo scatenarsi della pandemia da Covid-19 – spiegano i ricercatori – ansie, paure, difficoltà si sono affastellate nel vissuto quotidiano delle persone, contribuendo a creare un tessuto endemico di tensione e polarizzazione dei conflitti. Si odiano le categorie sociali più esposte ai cambiamenti e agli adattamenti necessari per superare l’attuale crisi pandemica».

 

 

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti