17.9 C
Milano
27. 02. 2021 17:35

A Milano c’è una nuova casa del fumetto: nasce il Bonelli Store

Uno spazio completamente dedicato alle avventure di Tex, Dylan Dog, Zagor e tanti altri

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Pochi giorni fa ha aperto in viale Coni Zugna a Milano il nuovo Bonelli Store: centosessanta metri quadri e otto vetri colmi di fumetti dei mitici Tex, Dylan Dog e Zagor.

Controccorente. Una scelta indubbiamente in controtendenza quella della casa editrice in un periodo in cui un pò causa Covid, ed un pò per il lento e irrefrenabile declino della carta stampata, tutti sono orientati a chiudere piuttosto che aprire.

 «È una prosecuzione dello spazio che c’era in via Marghera – racconta Michele Masiero, direttore editoriale di Bonelli -, il Bonelli Point, all’interno del Megastore Mondadori, che aveva già raccolto dal 2017 un sacco di lettori appassionati, organizzando presentazioni e incontri con gli autori. Con la chiusura a fine dicembre del Megastore abbiamo deciso di… navigare da soli in acque sconosciute verso l’ignoto. Abbiamo trovato in poco tempo gli spazi adeguati e aperto a spron battuto questo negozio. L’esposizione dei nostri fumetti è davvero notevole, in più le otto vetrine incuriosiscono anche chi passa per caso. Meno male che le librerie sono rimaste aperte e infatti il nostro pubblico non ci ha fatto mancare il suo affetto neppure questa volta. Al di là persino delle nostre più rosee aspettative».

Sul futuro Masiero è particolarmente ottimista. «Noi ci nutriamo di sogni – aggiunge -. Così come i nostri lettori. Il mercato del fumetto è sicuramente cambiato, l’edicola ha magari ceduto un po’, ma sono nate occasioni nuove e diverse come le fumetterie e le stesse librerie hanno di molto ampliato lo spazio dedicato alle strisce. Il nostro sogno e la nostra creatività sono sempre vive e stiamo lavorando perché si allarghino anche ad altri mezzi di comunicazione».

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...