22.1 C
Milano
21. 09. 2021 15:25

Milano, un altro clochard trovato morto. De Chirico: «Dov’è la città dei diritti elogiata da Sala?»

La denuncia del consigliere De Chirico nei confronti del Comune: le dichiarazioni

Più letti

Nella mattina di ieri un altro clochard è stato trovato senza vita sotto un cumulo di coperte alla stazione di Milano Garibaldi. Purtroppo si aggiunge alla lista di tanti altri clochard deceduti negli ultimi mesi per strada. Il consigliere regionale, Alessandro De Chirico, ha così chiesto al Comune di ampliare la rete di accoglienza dedicato ai senza fissa dimora.

Le dichiarazioni. «È davvero triste leggere la notizia che l’ennesimo clochard viene trovato senza vita fra le sue poche cose a bordo di un binario in stazione Garibaldi, mentre intorno al corpo esanime i pendolari non se ne curano – si legge in una nota di De Chirico -. Anche il Comune sembra non accorgersi di quello che accade intorno a Palazzo Marino e delle centinaia di senzatetto che la sera cercano un giaciglio in corso Vittorio Emanuele o nei vari luoghi dove i colonnati possono dare riparo dalle intemperie».

de chirico referendum milano

La questione si trasforma facilmente in uno scontro politico contro Palazzo Marino. «La pandemia e la conseguente crisi economica – ha continuato il consigliere – che ha colpito soprattutto chi ha perso il lavoro, hanno raddoppiato il numero di chi non ha più una casa e si rivolge alle associazioni di volontariato che danno aiuto a chi è rimasto indietro. Mutuando i Covid hotel invito l’assessore Rabaiotti a stringere qualche accordo con i tanti proprietari di hotel chiusi per dare riparo ai senzatetto, a proprie spese, nei giorni più freddi dell’anno. Niente di nuovo a dire il vero, so che alcune associazioni, tra cui la Pro Tetto Onlus, portano avanti questo tipo di progetti grazie al sostegno delle donazioni. Dov’è finita la città dei diritti di cui il sindaco millanta l’esistenza?

In breve

La rivoluzione di Emporio Armani entra negli “anta”: 40 anni fa nasceva il logo con l’aquila

Quarant’anni tondi e non dimostrarli. Era il 1981 quando comparve per la prima volta Emporio Armani e l'iconico logo...