17.6 C
Milano
25. 05. 2024 14:34

A Milano arriva YellowSquare: ecco l’ostello della sostenibilità

Dal 20 agosto, in Porta Romana, arriva lo YellowSquare di Milano

Più letti

Accoglierà i primi ospiti a partire dal 20 agosto lo YellowSquare di Milano, l’ostello di ultima generazione che fa incontrare lo spirito cosmopolita dei viaggiatori zaino in spalla con la curiosità dei locals.

YellowSquare, un catalizzatore di giovani energie

Tra il Teatro Parenti e i Bagni Misteriosi, nel cuore di Porta Romana (in via Lattuada 14), la nuova struttura va a inserirsi nella mappa del centralissimo quartiere milanese, ormai punto di riferimento dell’offerta culturale e di intrattenimento del capoluogo lombardo.

YellowSquare sarà una “piazza” aperta 7 giorni su 7, 24 ore su 24, un luogo fisico di incontro e un catalizzatore di giovani energie: due palazzine, 98 posti letto in dormitori misti e 29 camere private, ma anche tanti spazi comuni aperti al pubblico.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Nelle aree condivise, su un totale di oltre 800 metri quadrati, si trovano: un bar che non dorme mai e una grande sala eventi per incontri e musica dal vivo, un rilassante cortile privato, lo spazio co-working Smart Square, un Dance Club sotterraneo, una grande cucina per pasti condivisi e per cooking class, l’hair-saloon firmato Contesta Rock Hair e una Play Area dove cimentarsi con fitness, arti e danza.

La sensibilità per la sostenibilità si concretizza sia nei servizi green 100% plastic-free del bar e della cucina, sia nella decorazione degli spazi: in ogni camera gli ospiti troveranno dei murales di un animale italiano in via d’estinzione realizzati dallo street artist Lorenzo Ticci in arte Cancelletto e, scansionando il QR code preposto, potranno scoprire piccole e preziose storie animate sull’animale protagonista, realizzate da Julio Martinez in arte Waiki Toons. Info su yellowsquare.it.

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...