9.6 C
Milano
21. 04. 2024 22:26

Morte Navalny, a Milano centinaia di persone in piazza della Scala: «E’ stato assassinato e Putin è il mandante»

Erano almeno 200 i milanesi che hanno preso parte alla manifestazione organizzata dall'associazione Ponte Atlantico e dalla Comunità dei Russi Liberi, con il supporto di diversi partiti politici

Più letti

Erano circa duecento persone riunite in piazza della Scala a Milano per partecipare alla manifestazione organizzata dall’associazione Ponte Atlantico e dalla Comunità dei Russi Liberi in segno di protesta per la morte del dissidente russo Alexey Navalny defunto mentre era detenuto in carcere in Siberia. Presenti al corteo gli esponenti di differenti forze politiche +Europa, del Partito Democratico, di Fratelli d’Italia e della Lega.

Foto dissidente russo
Foto dissidente russo

Morte Navalny, Litta Modignani, coordinatore di Ponte Atlantico: «Assassinato da Putin»

Alessandro Litta Modignani, coordinatore di Ponte Atlantico, ha preso la parola durante l’evento, dichiarando: «Navalny è stato assassinato e Putin è il mandante che l’ha ucciso. Questo mentre era ingiustamente detenuto in carcere perché lottava per la libertà e la democrazia in Russia. Questo è un momento difficile per la democrazia. Putin lancia la sua minaccia a tutta Europa e saremo chiamati in causa comunque, la morte di Alexey ci interpella».

Guarda qui tutte le immagini del corteo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mi-Tomorrow (@mi_tomorrow)

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Morte Navalny, «Putin minaccia l’Europa»

I manifestanti hanno esibito cartelli con la scritta «Putin minaccia tutta l’Europa», e la piazza si è illuminata in un commovente omaggio ad Alexey Navalny, quando i partecipanti hanno acceso le luci dei loro telefoni contemporaneamente.

Morte Navalny, non c’è peggiore complicità che il silenzio

Alla manifestazione ha preso parte anche l’ex magistrato Armando Spataro, il quale ha sottolineato l’importanza di essere presenti in piazza, dichiarando: «Essere qui in piazza è importante per tutti i cittadini. Non c’è peggiore complicità che il silenzio».

Una mozione per intitolare la via del consolato russo a Navalny

Nel frattempo, i Riformisti di Milano, rappresentati dai consiglieri Gianmaria Radice, Giulia Pastorella e Carmine Pacente, hanno presentato una mozione al Consiglio comunale per intitolare la via del consolato russo al dissidente, come segno di solidarietà e riconoscimento per il suo impegno a favore della libertà e della democrazia.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...