13.3 C
Milano
25. 04. 2024 15:24

Parco Goccia di Bovisa: i cittadini scrivono a Renzo Piano 

«Comune e Politecnico vogliono distruggere più di 15.000 alberi»

Più letti

Il Comitato denominato Parco Goccia di Bovisa ha scritto una lettera all’architetto Renzo Piano contro il progetto di cementificazione partito dal Comune di Milano e dal Politecnico di 42 ettari verdi nei quartieri Bovisa e Villapizzone. Una lettera nella quale i cittadini chiedono all’archistar di mediare tra le parti, lui che già in passato aveva parlato di urbanistica partecipata.

Parco Goccia di Bovisa, la lettera spedita a Renzo Piano

Nella lettera aperta spedita a Renzo Piano, il Comitato Parco Goccia di Bovisa spiega: «Da dieci anni svolgiamo un’attività di difesa, cura, conoscenza e di informazione riguardo ai 42 ettari così rinaturalizzati perché “nascosti” e finora quasi sconosciuti, delle periferie di Bovisa e Villapizzone nelle quali abitiamo – si legge – dal 2012 ci opponiamo ai progetti di cementificazione sull’intera area che avrebbero distrutto una ricchezza verde di più di 15.000 tra alberi ed arbusti censiti, tra cui ciliegi, querce, frassini, gelsi, paulonie, noci, olmi, pioppi, alcuni di dimensioni monumentali».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Mantenere il bosco urbano così com’è

La richiesta del Comitato a Renzo Piano è chiara: «Questo perché lei possa collocare quella parte della Goccia appartenente al Politecnico nel contesto di un luogo preziosissimo che va salvaguardato così come è: un Bosco Urbano – si legge ancora – riuniti attorno al Comitato 140 cittadini sono in attesa dell’esito del ricorso presentato nel giugno 2021 contro l’accordo tra Comune e Politecnico che riguarda la GFU “Bovisa-Goccia-Villapizzone” . I motivi principali: la mancanza del previsto piano urbanistico attuativo (masse e altezze delle costruzioni, principali strade e piazze, percorsi tranviari, opere e impianti di interesse pubblico, edifici destinati a demolizione o restauro, ecc.); la Valutazione Ambientale Strategica prevista dalla UE; la mancata partecipazione procedimentale che prevede tra l’altro, pubblicità e trasparenza delle scelte urbanistiche».

La richiesta a Renzo Piano da parte del comitato Goccia di Bovisa 

«Chiediamo a lei che, già in passato, ha promosso la necessità di una urbanistica partecipata: abbiamo il diritto di portare avanti le nostre ragioni? Non è assurdo che per una trasformazione così importante non ci sia concesso di conoscere il progetto complessivo nei dettagli? I cittadini devono accontentarsi di rendering approssimativi e accattivanti come se il territorio in cui vivranno, loro e i loro figli, fosse un prodotto oggetto di una campagna pubblicitaria? Dagli stessi rendering emergono, per chi come noi abita e conosce Bovisa e Villapizzone, delle palesi contraddizioni con la ventilata riqualificazione dei quartieri. Lei è un architetto, un senatore, un uomo sensibile, impegnato, autorevole – conclude la lettera – speriamo che abbia il tempo per ascoltare le nostre intenzioni, i nostri disegni, i nostri desideri che riguardano la qualità della nostra vita».

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...