17.6 C
Milano
25. 05. 2024 14:35

Pio Albergo Trivulzio, precisazioni sugli immobili: «Non è detto che vengano venduti»

Emesse alcune precisazioni per chiarire la situazione

Più letti

Hanno fatto clamore le notizie uscite nei giorni scorsi relative al Pio Albergo Trivulzio, che da anni a Milano si occupa di ospitare e curare migliaia di anziani, e ai suoi immobili più prestigiosi. Dal PAT, come viene anche chiamato, hanno emesso alcune precisazioni per chiarire la situazione.

Pio Albergo Trivulzio, precisazioni

«Quella approvata dal Consiglio di Indirizzo del Pio Albergo Trivulzio lo scorso ottobre non è una delibera di alienazione dei 6 immobili ma una delibera che va ad aggiornare il Piano di Alienazione 22/23, – documento biennale di governo aziendale che viene annualmente attualizzato – ampliando il perimetro dei possibili immobili da porre a vendita secondo le modalità di governance dell’azienda», fanno sapere dal Pio Albergo Trivulzio.

Pio Albergo Trivulzio
Pio Albergo Trivulzio – tampone

Pio Albergo Trivulzio, il piano di alienazione

«L’effettiva alienazione di uno o più di questi immobili può essere approvata solo a valle del procedimento di verifica dell’interesse culturale da parte della Soprintendenza delle Belle Arti e le valutazioni da parte dell’ Agenzie delle entrate o Agenzia del Demanio, individuati come ente dello Stato che certifica il valore di mercato (non esiste ad oggi una valutazione di mercato aggiornata sul valore dei sei immobili) – è stato precisato -. Non è quindi detto che vengano venduti, nè che vengano venduti tutti e sei, né che vengano alienati nello stesso momento. Non vi è alcuna decisione presa ad oggi».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Pio Albergo Trivulzio, gli immobili

«L’indicazione della Direzione e del Consiglio di indirizzo è che il patrimonio da reddito sia sempre meno utilizzato in termini di alienazioni se non per sostenere i progetti di innovazione e sviluppo necessari per la crescita del polo geriatrico più importante d’Italia. Si predilige peraltro la vendita di terreni rispetto a quella degli immobili – hanno proseguito dal Pio Albergo Trivulzio -. Nel 2022 sono stati indetti 4 bandi per la vendita di terreni e poderi in Lombardia che non hanno riscontrato però interesse da parte del mondo agricolo, oggi messo a dura prova dai significativi aumenti dei costi di produzione».

Pio Albergo Trivulzio, il punto

«Il Pio Albergo Trivulzio dispone attualmente di un patrimonio del valore di circa 500 milioni di euro tra immobili, appartamenti, terreni e poderi, prevalentemente tra Milano e la Lombardia (ma anche in altre regioni), frutto di lasciti avvenuti in 5 secoli Dal 2004, anno in cui il PAT è diventato ASP (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona), il patrimonio da reddito sia in termini di locazioni, sia in termini di alienazioni, ha costituito uno strumento di governo dell’azienda che contribuisce all’equilibrio di bilancio per garantire la continuità della qualità di assistenza medica, oltre alle attività necessarie di ristrutturazione e innovazione all’interno dell’istituto».

Pio Albergo Trivulzio, conti

«L’alienazione degli immobili di proprietà è d’altra parte da sempre una modalità consolidata presso tutti i principali enti pubblici e ospedalieri. Dal 2004 al 2021 sono stati alienati immobili e terreni per più di 100 milioni di euro, di cui più di 60 milioni nel triennio 2016/2018. Tra il 2019 e il 2021 si è venduto per un valore di circa 20 milioni di euro. Dal 2020 il PAT ha avviato una collaborazione strutturata con il Politecnico di Milano volta a definire le attività di conservazione degli immobili cielo-terra, in un’ottica di valorizzazione del patrimonio».

«Questo, insieme a una revisione dei canoni di locazione, ha portato a un incremento degli introiti da affitto, da una media di 9 milioni e mezzo tra il 2004 e il 2020 a oltre 11 milioni nel 2021. La locazione, rispetto all’alienazione, resta quindi la prima scelta rispetto all’utilizzo del patrimonio immobiliare del PAT. I 6 immobili di cui parliamo sono ad oggi in parte locati con canone d’affitto (mix di uso abitativo, foresteria, negozi, uffici)», hanno concluso dal Pio Albergo Trivulzio.

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...