2.5 C
Milano
21. 01. 2021 03:30

La poesia più grande del mondo sul muro della periferia di San Donato Milanese

Sul muro che divide la periferia di San Donato è apparsa un'immensa poesia: le immagini

Più letti

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«Basta, siamo stremati», una nuova protesta dei ristoratori: cesti di prodotti scaduti per il Prefetto

I ristoratori sono nuovamente sul piede di guerra. Domani andrà in scena una nuova manifestazione che si svolgerà al...

Terza ondata? Galli: «Al momento non ci sono segnali»

Quando arriverà la terza ondata? Molto probabilmento non ora. Ne è convinto il professor Massimo Galli, direttore del reparto...

Sul muro che divide la periferia di San Donato Milanese dal resto della città è apparsa una delle poesie più “grandi” del mondo. A realizzarla in via Di Vittorio, Dario, un docente di educazione fisica conosciuto tra gli artisti di strada come “Mr. Caos”.

L’opera. La poesia che campeggia sulla sommità del muro alto dieci metri prende il nome di “Viavai” e si estende per oltre 11.000 metri quadri. “Mr Caos” non è nuovo a certe opere ed ha già portato la sua vena artistica in più zone di Milano: c’è traccia delle sue opere anche in via Dante, ad Affori e Porta Genova.

“Viavai” è un tributo al suo quartiere di nascita e proprio a quella via Di Vittorio in cui ha trascorso l’infanzia. «Quando andavo alle medie nessuno voleva venire a studiare da me – racconta il prof. artista -, “la via”, così era chiamata, era conosciuta soltanto per lo spaccio, la microcriminalità e il degrado. Adesso è stata riqualificata ma resta una terra di confine da cui tutti se ne vogliono andare».

poesia murales san donato milanese

La via Di Vittorio corre lunga e diritta per più di un chilometro, è chiusa da un lato dal muro che la divide dalla zona della stazione, e non ha strade che la incrociano. Sui lati si affacciano palazzoni che accolgono novemila residenti, un terzo della popolazione totale di San Donato. Insomma il quadro di un “quartiere ghetto”, come ne sorgevano tanti negli anni ’60 quando l’industrializzazione correva veloce e c’era sempre più bisogno di case per accogliere la nuova manodopera proveniente dal Meridione.

La periferia è proprio al centro dell’immensa poesia. È dipinta in rosso e incrocia una mastodontica scritta bianca che recita a sua volta «Vai via da questo viavai»

 

 

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti