23.7 C
Milano
20. 06. 2024 05:43

Porta Venezia tra aggressioni e rapine: «La situazione in zona è insostenibile»

Mario Boselli, presidente della fondazione Italia Cina ed ex presidente della Camera della Moda, ha denunciato di essere stato aggredito e rapinato proprio lungo i Bastioni

Più letti

Il tema sicurezza a Milano ancora attuale dopo gli eventi degli ultimi giorni, con particolare focus su Porta Venezia dove Mario Boselli, presidente della fondazione Italia Cina ed ex presidente della Camera della Moda, ha denunciato di essere stato aggredito e rapinato domenica mattina lungo i Bastioni. Boselli è stato avvicinato da un giovane che gli ha strappato una collana d’oro. La stessa cosa era accaduta tempo fa a suo figlio.

Boselli aggredito in Porta Venezia, il racconto

«Ho male al collo, ma è andata bene – ha spiegato Boselli, intervistato dal Corriere della Sera -. Tra i problemi di Milano, oltre alla sicurezza, c’è la rassegnazione: gli abitanti si sentono abbandonati. Volevo lasciar perdere, ma mio figlio mi ha convinto – ha aggiunto l’ex presidente della Camera della Moda -. Ho denunciato e scritto al questore, con in copia prefetto e sindaco».

Porta Venezia
Porta Venezia

Porta Venezia e il problema sicurezza

Al questore Giuseppe Petronzi, Boselli, 82 anni, ha scritto che «in zona la situazione è insostenibile e nonostante le parole del sindaco Sala sulla sicurezza della città, è ovvio che non si tratta di percezione ma di un problema reale. Sono fiducioso – ha aggiunto – che vengano prese iniziative. Lo preciso, io non ce l’ho con nessuno, ma ritengo doveroso sensibilizzare sul tema della sicurezza nell’interesse non solo dei milanesi ma anche dei visitatori e della città. Dobbiamo tutelare il suo valore a tutti i costi».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Aggressioni a Milano, non solo Porta Venezia: paura in Bovisa

L’ennesima aggressione violenta, arrivata soltanto poche ore dopo quanto accaduto in zona Bovisa, dove una ragazza di 21 anni è stata picchiata in strada. La giovane si trovava in via Brofferio, all’angolo con piazza Bausan, quando intorno alle 3.45 di sabato mattina è stata avvicinata da un 29enne egiziano che ha cercato di strapparle la borsa e il cellulare. Spinta a terra, la giovane ha fatto di tutto per proteggere borsa e cellulare e si è rannicchiata sull’asfalto.

Giovane picchiata in Bovisa: «Ho ancora paura»

Il ladro allora ha iniziato a prenderla a calci nel tentativo di farla desistere. L’arrivo di alcuni passanti ha poi messo in fuga il rapinatore, che è stato arrestato poco dopo da una volante della polizia. Trasportata in codice verde all’ospedale Niguarda, a distanza di due giorni la vittima ha ancora i segni dell’aggressione sul volto e un livido sotto all’occhio destro. In una storia su Instagram la ragazza racconta di essere ancora traumatizzata: «Sono scesa a comprare il pranzo e ho visto una persona correre verso di me. Mi sono spaventata – dice – continuo a girarmi a sentire rumori. Ed è giorno».

In breve

FantaMunicipio #35: con il Comune storia di gerarchie e di ascolti a metà

Piscina Scarioni e Chiaravalle: due ambiti per cui è interessare esaminare le mosse del Comune e il ruolo del...