8.9 C
Milano
05. 03. 2021 11:56

Powercoders, l’integrazione e la formazione: a Milano un’accademia per i rifugiati

Presentata a Milano l'accademia d'informatica dedicata ai rifugiati: il progetto

Più letti

Madame, un baby fenomeno a Sanremo: «E non ditemi che sono piccola»

La più giovane tra i campioni. La più coraggiosa. Grande personalità, presenza e carisma per Madame: l’esatta rappresentazione di...

La passione di Aiello all’Ariston: «Vi spiego questo sesso ibuprofene»

Dopo un anno di successi, un esordio tanto atteso: c’è il sesso - ma anche una storia d’amore finita...

Un irresistibile sound per Colapesce e Dimartino: «Leggerissimi, noi»

Lo scorso anno si sono uniti dando alla luce il loro primo album di inediti dal titolo I mortali,...

Dopo Torino sbarca a Milano il progetto Powercoders. Si tratta di un’accademia di programmazione informatica riservata ai rifugiati perchè possano inserirsi nel mondo del lavoro.

L’accademia. Nel mese di febbraio, prenderà il via a Milano il secondo corso in Italia destinato ad una classe di 20 studenti rifugiati. In considerazione delle attuali limitazioni legate alla pandemia Sars Cov-2, il programma quest’anno si terrà in modalità remota grazie all’utilizzo della piattaforma digitale ideatre60, di Fondazione Italiana Accenture, pensata per favorire l’utilizzo della tecnologia come acceleratore di innovazione sociale.

Attraverso i corsi fruibili sulla piattaforma e l’esperienza di docenti e professionisti, i partecipanti acquisiranno competenze tecniche tramite lo studio dei principali linguaggi di programmazione web, e competenze trasversali per sviluppare soft skill e abilità sociali e comunicative.

Tra i partecipanti Powercoders Italia, il 60% ha trovato uno stage dopo il corso e l’80% è entrato produttivamente nel mondo del lavoro. Il progetto è stato citato da UNHCR Italia come un esempio virtuoso di formazione e inclusione socio-lavorativa riconoscendo a Reale Mutua il logo “Welcome. Working for Refugee Integration”.

«Come Amministrazione siamo felici di sostenere il progetto Powercoders – ha dichiarato l’assessora alle Politiche per il Lavoro Cristina Tajani -, poiché siamo convinti che l’integrazione di tanti giovani rifugiati passi non solo attraverso la condivisione di linguaggi e valori comuni ma soprattutto tramite la messa in comune di conoscenze e competenze. Investire, oggi ,sulla formazione e sull’implementazione delle skills tecnologiche di questi ragazzi significa renderli autonomi e artefici del proprio futuro, capaci di essere vere e proprie risorse per la società in cui vivono e le imprese in cui lavoreranno».

In breve

Milano, per la festa della donna occhio agli scioperi

Sarà una festa della donna probabilmente in zona rossa a Milano. Ma anche con uno sciopero generale proclamato per...