3.8 C
Milano
10. 12. 2022 10:20

Ridurre le corse di monopattini sui marciapiedi: ecco come

Il progetto portato avanti a Roma e Milano

Più letti

Un progetto, portato avanti nelle città di Roma e Milano, per cercare di ridurre le corse di monopattini sui marciapiedi e, in senso lato, in tutte le zone delle città dove non è permessa la loro circolazione. A scendere in campo e provare a mettere un freno al fenomeno è l’azienda Voi Technology, compagnia svedese di micromobilità elettrica condivisa, che ha annunciato come Roma e Milano facciano parte di un progetto pilota in partnership con Drover AI più ampio, che vede impegnate 13 città europee, che ha l’obiettivo di testare una nuova soluzione di computer vision, machine learning ed intelligenza artificiale per limitare le corse in monopattino in aree vietate come i marciapiedi. 

Ridurre le corse di monopattini sui marciapiedi, il progetto 

Attraverso il machine learning e la computer vision, la nuova tecnologia, attualmente testata su alcuni monopattini Voi Technology delle flotte di Roma e a Milano, è in grado di rilevare la tipologia di manto stradale su cui il monopattino sta viaggiando, e in questo modo riesce a identificare se gli utenti stanno utilizzando il mezzo sui marciapiedi, al fine di inibire e possibilmente prevenire le corse su questi ultimi.

Monopattini, foto Unsplash
Monopattini, foto Unsplash

Come funziona il progetto di Voi Technology

Apprendendo quando e dove i conducenti utilizzano il monopattino sui marciapiedi, Voi Technology potrà sviluppare delle azioni di educazione alle norme stradali, come un invio delle regole di conduzione del mezzo su strada via mail e in app, per poi attuare eventuali sanzioni in caso di ripetizione dell’infrazione e, se ancora perpetuato, l’immediato blocco dell’accesso del servizio all’utente che non si dimostra recettivo agli insegnamenti. La compagnia si arroga il diritto anche di decidere, eventualmente, se sarà il caso di rallentare la velocità di conduzione del monopattino in caso di corsa sui marciapiedi, ma senza bloccarne il viaggio, che potrebbe incidere sulla sicurezza sia del conducente che dei pedoni che stanno camminando contemporaneamente sul medesimo marciapiede. Inoltre, questa tecnologia è in grado di riconoscere i monopattini caduti e di segnalarli a Voi per un rapido intervento e per renderli nuovamente utilizzabili. 

La collaborazione con il Comune di Milano

La collaborazione con le municipalità locali permetterà a Voi di accelerare il processo di informazione tramite la creazione di un database sull’utilizzo del monopattino nelle diverse aree in città, così da informare l’amministrazione locale su quali siano le vie e le aree in cui avviene ancora il fenomeno, vietato, di conduzione dei monopattini sui marciapiedi. In questo modo l’amministrazione potrà comprendere dove è necessario implementare infrastrutture leggere e pesanti per favorire il corretto e sicuro utilizzo dei servizi di micromobilità in sharing.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...