8.2 C
Milano
04. 12. 2022 19:07

Tavolo di confronto su Area B: il modo corretto di fare politica

Perché invece di decidere in solitaria non ci si siede prima al tavolo per discuterne?

Più letti

La svolta che tutti si auspicano, un tavolo di confronto su Area B, potrebbe essere l’arma per placare la ribellione di una città che fatica a digerire un provvedimento del genere. Ben inteso, lungi da noi dare giudizi sul fatto se sia o meno una scelta vincente quella di introdurre l’Area B a Milano, ma analizzando solamente i fatti pare che, forse, questa possa essere stata la più canonica delle «zappe sui piedi» della Giunta guidata dal Sindaco Beppe Sala. Che, però, ora ha la possibilità di rimediare e far diventare una scelta molto impopolare… un po’ meno impopolare.

area b

Ben venga il tavolo di confronto su Area B, ma il problema è stato creato prima

Ben venga dunque il tavolo di confronto su Area B, ma il problema è stato creato prima. E la scelta, da molto impopolare, non potrà mai divenire popolare o comunque digeribile dalla cittadinanza. Il danno è stato fatto e, giustamente, anche il Sindaco tira dritto sulla linea tracciata. D’altronde in politica, quando prendi una decisione è anche giusto proseguire sulla stessa e portare avanti le proprie convinzioni. 

Area B Area C

Sedersi ad un tavolo e decidere tutti assieme, davvero è impossibile?

Rimane da chiedersi, in questo carrozzone che è la politica italiana, se sia davvero impossibile sedersi ad un tavolo e decidere tutti assieme in via preventiva. Ditemi, è davvero così difficile pensare che chi ha idee diverse dalla tua possa darti solo indicazioni sbagliate? E dall’altra parte, non ascoltare l’opposizione davvero è sempre un vantaggio, perché metterebbero solo i bastoni tra le ruote. In tutto questo, la domanda delle domande: ma a qualcuno interessa cosa ne pensano i cittadini? Ai posteri l’ardua sentenza e il dare risposte: sicuramente su Area B, un po’ meno sul mio ultimo quesito.

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...