5.1 C
Milano
23. 04. 2024 03:43

Riduzione delle attività commerciali: il dato allarmante, ne sono scomparse oltre duemila

I centri storici le zone più colpite dalle chiusure

Più letti

Un recente studio condotto da Confcommercio Lombardia in collaborazione con il Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne rivela un’allarmante riduzione delle attività commerciali in Lombardia. Tra il 2012 e il 2023, il settore del commercio al dettaglio, compresi bar, ristoranti e servizi di alloggio, ha registrato una netta diminuzione di 2.334 unità, pari a un tasso di contrazione del 13,4%. Questa tendenza solleva preoccupazioni significative riguardo al potenziale impoverimento del tessuto urbano e sociale nelle città lombarde.

Riduzione delle attività commerciali, situazione critica nei centri storici

L’analisi focalizzata su alcuni capoluoghi e città lombarde, tra cui Milano, Bergamo, Brescia, e Monza, mostra che i centri storici sono stati i più colpiti, con un calo del 15,9% delle attività. Al di fuori dei centri storici, la riduzione delle attività commerciali si attesta al 10,7%. Le attività commerciali al dettaglio nei centri storici hanno subito il colpo più duro, con una diminuzione del 23,4% (1.274 unità), mentre quelle al di fuori dei centri storici hanno registrato una flessione del 17,4% (1.019 unità).

La luce in fondo al tunnel per alcuni settori

Nonostante il panorama generale piuttosto desolante, alcuni settori hanno mostrato segni di resilienza. I servizi di alloggio, bar e ristoranti nei centri storici hanno visto una diminuzione contenuta del 2,2% (65 unità), mentre nelle zone periferiche si è addirittura registrato un incremento dello 0,7% (24 unità). Questi dati suggeriscono che, nonostante le sfide, esistono opportunità di crescita e di adattamento alle nuove esigenze del mercato.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Le parole di Carlo Massoletti

Carlo Massoletti, Vicepresidente vicario di Confcommercio Lombardia, ha sottolineato l’importanza vitale delle attività commerciali per la vitalità, la sicurezza e l’attrattiva delle città. “La chiusura di un’attività non rappresenta solo un duro colpo per gli imprenditori e i loro collaboratori, ma anche un impoverimento del tessuto urbano e sociale”, ha dichiarato Massoletti. L’appello è a un impegno congiunto per invertire questa tendenza negativa, valorizzando formazione, nuove modalità di vendita e il potenziamento dei Distretti del commercio come incubatori per la rigenerazione e valorizzazione delle città.

In cerca di soluzioni

L’invito di Massoletti a sostenere gli sforzi per la rigenerazione commerciale e urbana è un richiamo all’azione per tutti gli attori coinvolti: istituzioni, imprenditori e cittadini. In un contesto di cambiamento delle abitudini di consumo e demografiche, l’adattamento e l’innovazione saranno cruciali per assicurare un futuro prospero al commercio al dettaglio in Lombardia e in tutta Italia.

La sfida che si prospetta è complessa ma non insormontabile. Attraverso la collaborazione, l’innovazione e un impegno condiviso, è possibile rilanciare il settore e garantire che le città lombarde rimangano vivaci centri di attività economica, sociale e culturale.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...