20.2 C
Milano
19. 05. 2022 07:57

Scudetto 2022: Milan e Inter al rush finale

Città in festa oltre i colori, chi vincerà secondo voi?

Più letti

Lo Scudetto 2022 del calcio si fermerà a Milano, con Milan e Inter che probabilmente si giocheranno il titolo di campione d’Italia fino all’ultima giornata. Analizzando il calendario, se si volesse fare un gioco di pronostici, quella messa meglio appare la formazione nerazzurra di Simone Inzaghi, ma i rossoneri di Stefano Pioli si sono dimostrati sicuramente formazione mai doma e con tanta voglia di sbalordire.

Volata Scudetto 2022, decisivo il ko dell’Inter contro il Bologna

Il ko dell’Inter contro il Bologna (2-1), nel match recuperato ieri, 27 aprile 2022, e giocato a distanza di 111 giorni dalla data prevista, potrebbe davvero risultare decisivo sul lungo periodo. Perché la sfida ai felsinei, che pure si era aperta con il bel gol di Perisic in avvio al quale hanno risposto, successivamente, Arnautovic e Sansone per il 2-1 finale della formazione di Sinisa Mihajlovic, poteva permettere all’Inter di sopravanzare il Milan in classifica. Ma così non è stato e i rossoneri, quando mancano quattro giornate alla fine del campionato, si ritrovano così ancora primi: 74 punti in classifica, contro i 72 dei nerazzurri. Il destino, dunque, è tutto nelle mani dei rossoneri.

milan-genoa

Volata Scudetto 2022, il calendario del Milan

La squadra di Stefano Pioli ora giocherà l’1 maggio a San Siro contro la Fiorentina. Sulla carta una sfida non certo facile, visto che la Viola si sta giocando le sue carte per approdare in Europa League l’anno prossimo. Ma è altrettanto vero che la squadra di Vincenzo Italiano è reduce dal pesantissimo 0-4 subito al Franchi dall’Udinese, prossima avversaria (la fatalità del caso) proprio dell’Inter. A seguire, poi, il Milan sarà di scena sul campo dell’Hellas Verona, formazione che non ha più velleità per questo campionato (8 maggio), prima di ricevere a San Siro l’Atalanta (15 maggio), nel derby lombardo che molto probabilmente darà un’indicazione più che precisa su chi sarà la formazione campione d’Italia. Perché, a conti fatti, ad oggi quella di Gasperini è la formazione che più potrebbe dare fastidio al Milan, chiamato poi a chiudere il proprio campionato a Reggio Emilia contro un Sassuolo mentalmente già in vacanza (22 maggio).

La frecciatina di Calhanoglu al Milan, foto Instagram

Volata Scudetto 2022, il calendario dell’Inter

Il percorso in campionato dell’Inter, sulla carta, appare sicuramente più agevole rispetto a quello dei cugini rossoneri. La formazione di Simone Inzaghi inizierà, come detto, con la trasferta di Udine (1 maggio) contro quella formazione bianconera reduce dalla roboante vittoria in terra toscana. A seguire due sfide contro due ex allenatori nerazzurri: prima il match interno di San Siro (6 maggio) contro l’Empoli di Andreazzoli, poi trasferta in Sardegna per affrontare il Cagliari di Mazzarri (15 maggio) e chiusura nuovamente a San Siro contro la Sampdoria di Giampaolo (22 maggio). Senza dimenticare che, tra la sfida contro l’Empoli e quella contro il Cagliari, i nerazzurri avranno anche la finale di Coppa Italia (11 maggio) da giocarsi contro la Juventus. Tanti impegni, gare tutte da vincere.

Il Milan favorito, potrebbe anche non vincerle tutte ed essere campione d’Italia

Alla luce del calendario e dei due punti di vantaggio sull’Inter, il Milan potrebbe laurearsi campione d’Italia anche senza vincere tutte le partite che le restano. Perché in caso di arrivo a pari punti in classifica, quindi ipotizzando tutti successi per i nerazzurri e un pareggio e tre vittorie per i rossoneri, sarebbe proprio la formazione di Stefano Pioli a festeggiare. Potenzialmente entrambe le squadre possono fare ancora 12 punti e qualora ciò si verificasse sarebbe il Milan a conquistare lo scudetto grazie ai due punti che attualmente ha di vantaggio. Ma, nel caso del già citato eventuale pareggio dei rossoneri, con l’arrivo al termine del campionato a pari punti per l’assegnazione del titolo si dovrebbe ricorrere ai criteri stabiliti dal regolamento della Serie A. E tra questi criteri, il primo sono i punti conquistati negli scontri diretti, passando poi in caso di ulteriore parità alla differenza reti negli scontri diretti, poi alla differenza reti generale, poi ai gol fatti e infine all’extrema ratio del sorteggio. E il Milan, nei due derby di campionato, è in vantaggio nei confronti dell’Inter: 1-1 in quello d’andata, con il rigore trasformato da Calhanoglu e l’autogol di De Vrij; 2-1 per il Milan al ritorno, con la doppietta di Giroud dopo la rete di Perisic.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...