5.9 C
Milano
25. 04. 2024 05:54

Smog, ci sono cinque città lombarde messe peggio di Milano (che però non ha nulla da festeggiare)

La situazione più critica si è verificata in ordine a Monza, Cremona, Brescia, Mantova, Lodi e Milano

Più letti

Smog ancora in prima pagina: alla fine del primo trimestre del 2024, i dati rilasciati da ARPA Lombardia riguardanti i livelli di particolato sottile (PM10) misurati dalle centraline dei capoluoghi di provincia offrono una visione preoccupante della qualità dell’aria respirata dai cittadini della Lombardia. Durante i mesi di gennaio e marzo, la concentrazione media di PM10 ha superato il valore soglia di 40 mg/mc in sei capoluoghi su dieci, come stabilito dalla normativa europea per la media annua.

Smog, la classifica

La situazione più critica si è verificata in ordine a Monza, Cremona, Brescia, Mantova, Lodi e Milano, con solo Bergamo e Pavia che hanno registrato una situazione leggermente migliore. Le città pedemontane come Como, Varese, Sondrio e Lecco hanno mostrato una qualità dell’aria relativamente superiore, anche se nessuna ha raggiunto i valori previsti dalla nuova direttiva europea, che mira a ridurre la media annua a 20 mg/mc.

smog
Smog a Milano

Smog, i numeri

Allo stesso modo preoccupante è il numero di giorni in cui l’aria è risultata irrespirabile, con valori superiori ai 50 mg/mc come media giornaliera. Cremona e Brescia hanno già superato il limite massimo di 35 giorni all’anno fissato dalla direttiva, mentre Milano, Monza, Mantova e Lodi si avvicinano rapidamente alla soglia. Anche Pavia e Bergamo sono a rischio di superamento, mentre i capoluoghi insubrici e quello valtellinese hanno registrato meno giornate di aria tossica.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Smog in Lombardia

Il bilancio di medio termine per il 2024 conferma il triste primato della Lombardia come regione con i capoluoghi più inquinati, sia quelli al centro dell’area metropolitana, come Milano e Monza, con problemi di traffico urbano e autostradale irrisolti, sia quelli che delimitano l’area agricola padana, caratterizzata dagli allevamenti intensivi. Il quadrilatero tra Mantova, Brescia, Lodi e Cremona è responsabile di una considerevole percentuale della produzione nazionale di latte e carne suina, ma anche di una grande quantità di liquami e letami che contribuiscono all’inquinamento atmosferico.

Legambiente sullo smog

Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia, ha sottolineato l’urgenza di intervenire per evitare un’altra emergenza smog. Le attuali misure sono considerate insufficienti, e si richiede una revisione delle politiche, con un particolare focus sull’agricoltura della pianura padana, che insieme al traffico e al riscaldamento domestico, contribuisce maggiormente all’inquinamento atmosferico.

In breve

FantaMunicipio #27: quanto ci fa bene l’associazionismo cittadino

Pranzi, musica, poesia, arte, intrattenimento, questionari, flash mob e murales: tutto all'insegna dell'associazionismo cittadino e delle comunità che popolano...