24.1 C
Milano
29. 05. 2024 16:04

Tari, la tassa rifiuti scontata per i giovani

La novità per la tassa sui rifiuti decisa per i cittadini under 30

Più letti

La tassa rifiuti (Tari) costerà meno per i milanesi più giovani. La delibera che fissa le tariffe 2024, al voto in Consiglio comunale entro la fine del mese, introduce per la prima volta una riduzione del 25% sulla parte variabile del tributo locale per tutti i contribuenti con un’età non superiore ai 30 anni residenti o domiciliati in città.

Lo sconto amplia le agevolazioni sulla Tari previste finora dal Comune di Milano in sostegno di alcune categorie di cittadini, come la riduzione del 25% per i nuclei familiari numerosi (quattro o più componenti), del 15% per gli over 75 e del 10% per le mamme e i papà single, in vigore dal 2019.

Tari, i beneficiari del provvedimento

La misura introdotta per la prima volta quest’anno riguarda studenti, giovani coppie e giovani lavoratori. Pensata nell’ambito dei provvedimenti di Bilancio 2024 in sostegno dei cittadini particolarmente penalizzati dal carovita, l’agevolazione è un segnale di attenzione a chi decide di studiare o avviare un progetto di vita o di lavoro in città.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Per ottenere la riduzione non occorre presentare richiesta all’Amministrazione, che applicherà lo sconto automaticamente ai contribuenti con i requisiti previsti in delibera: l’alloggio deve avere una superficie non superiore ai 100 metri quadri e, se il giovane intestatario vi abita con altre persone, anche i conviventi devono avere un’età non superiore ai 30 anni.

Tari, le scadenze

L’agevolazione non è l’unica novità riguardante la tassa sui rifiuti a Milano. Cambieranno quest’anno anche le scadenze per i versamenti e i tempi e le modalità di invio degli avvisi di pagamento. I milanesi riceveranno due avvisi: il primo tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, contenente la prima rata da versare entro il 10 luglio; il secondo avviso, previsto fra ottobre e novembre, conterrà la seconda rata da versare entro fine anno.

Resta ferma la possibilità del versamento della tariffa in un’unica soluzione: chi predilige questa modalità non dovrà fare altro che ignorare il primo avviso e attendere il secondo che verrà inviato a fine anno con l’importo totale dovuto.

In breve

FantaMunicipio #32: nuove pedonalizzazioni, ci vuole tattica per rallentare

Questa settimana torniamo a parlare di mobilità lenta, di sicurezza stradale e di pedonalizzazioni: sono infatti state approvate alcune...