20.3 C
Milano
27. 05. 2022 05:07

Forse il Manzoni aveva ragione: alla scoperta di Como

Natura, borghi e ville si susseguono tra le sponde del Lago di Como e le cime delle Prealpi

Più letti

Il più noto degli incipit è dedicato proprio a Lui! “Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli”. Del resto, Alessandro Manzoni per i suoi “Promessi Sposi”, non poteva scegliere scenario più spettacolare: il Lago di Como.

Como

Un piccolo gioiello ricco di storia dove nacque il razionalismo artistico in Italia. La cittadina di Como ospita Casa Giuliani Frigerio, l’ex Casa del Fascio e il Monumento ai Caduti. Meritano una visita il Duomo, il Palazzo Broletto e Villa Olmo che ospita preziosi affreschi all’interno ed è immersa in bel parco. Poi ancora, il Tempio Voltiano, dedicato all’inventore della pila Alessandro Volta e la Chiesa di Sant’Abbondio costruita dai monaci benedettini.

Brunate

Se si è in visita a Como non si può trascurare Brunate, raggiungibile tramite una funicolare che regala un paesaggio emozionante. Questo paesino è stato denominato il balcone delle Alpi per i suoi splendidi punti panoramici, da cui è possibile ammirare Como, le ramificazioni del lago, la pianura lombarda ed anche le Alpi. Il punto prediletto è la cima del famoso Faro Voltiano.

Bellagio

Questo borgo stupendo si trova sulla punta del promontorio che separa i due rami del lago di Como ed è attorniato da una macchia verde ricchissima: boschi di querce, faggi e abeti. In più, le tante ville colorate, come Villa Serbelloni e Villa Melzi, i vicoli, le scalinate in pietra e le chiese antiche regalano al borgo un fascino unico.

Isola Comacina

Nel bel mezzo del ramo comasco sorge questa piccola isoletta verde abitata fin dai tempi lontani. Oggi, grazie ai resti di antiche chiese e non solo, rappresenta un’importante area archeologica.

Durante il Medioevo vi combatterono numerose battaglie fino a che il Barbarossa non la distrusse, lasciandola così inabitata per ben 800 anni. Tra il patrimonio dell’isola, i ruderi della chiesa romanica di Sant’Eufemia e le tre Case per Artisti, in stile razionalista, progettate dall’architetto Piero Lingeri.

Cernobbio

È un elegante e turistica cittadina che ospita numerose dimore nobiliari, come Villa Erba, dove soggiornò Visconti e Villa d’Este, che oggi è un hotel di lusso. Poi ancora, Villa Pizzo e Villa Bernasconi.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...