4.1 C
Milano
09. 12. 2022 00:26

Villa Sparina: quiete, eleganza e natura delle colline del Gavi

Vi portiamo nel territorio di Alessandria per visitare spazi silenziosi che dialogano con la bellezza

Più letti

Arrivando in auto dall’uscita dell’autostrada, dopo aver passato l’enorme area commerciale di Serravalle, si sale lentamente. Improvvisamente una curva e poi il paesaggio cambia: colline verdi a perdita d’occhio. Un altro mondo. È il Gavi, territorio in provincia di Alessandria, sugli Appennini al confine tra la Pianura Padana e la Liguria, un’area che non ha nulla da inviare ai più famosi Langhe e Monferrato. In questo susseguirsi di tonalità di verde, fra vigneti, boschi e colline, a Monterotondo sorge il Resort Villa Sparina che racchiude un hotel di charme, un ristorante e una cantina.

Villa Sparina: alla scoperta della colline del Gavi

Villa SparinaIl desiderio dei fratelli Moccagatta è stato, infatti, quello di dare nuova vita a una cascina di proprietà di famiglia. Una tenuta che ha fatto dell’armonia con il territorio circostante il suo mantra. Villa Sparina è totalmente sostenibile dal punto di vista ambientale: dai sistemi di cottura e refrigerazione del ristorante (la cui energia recuperata riscalda l’acqua per le camere e i bagni del resort), al riutilizzo degli scarti naturali come concime, fino alle stazioni di ricarica per le auto elettriche. Un approccio coerente con il desiderio di creare un luogo equilibrato e armonico in tutte le sue componenti: agricole e paesaggistiche.

L’hotel L’Ostelliere conserva esternamente un aspetto rustico ed elegante mentre all’interno la contaminazione di stili rende unica ognuna delle 33 suites: i mobili e gli oggetti sono stati tutti scovati dalla proprietà nei mercatini delle pulci, in giro per il mondo e poi restaurati. Un mix armonioso di epoche, textures, pattern e stili che si riflette anche negli ambienti comuni della struttura, come il bar interno, perfetto per le giornate invernali, i dehor esterni e il Bar dell’Orto per rilassarsi guardando il panorama e gustando un calice di vino della tenuta.

L’azienda agricola produce sei tipi di vini: il Gavi di Gavi, il vitigno autoctono che dà le uve anche alla versione brut, il cru Monterotondo con uve provenienti da una storica vigna del 1945, il Rivalta, una Barbera del Monferrato Superiore DOCG, la Barbera del Monferrato DOC e il Rosè. Tra gli appuntamenti autunnali: le visite alla cantina del XVIII secolo che si concludono con una degustazione dei vini, ma anche esperienze più immersive tra i vigneti dell’azienda, giornate dedicate alla vendemmia e pic-nic nel boschetto in cima alla collina all’interno della tenuta che domina tutta la valle.

“La Gallina” è il ristorante con vista sui filari di Oro di Gavi. Un ex fienile restaurato con tanti ambienti, da scegliere a seconda delle esigenze: il salone, le sale, la terrazza, il privè. Il servizio è curato e attentissimo ma giovane e alla mano. I menu sono firmati dall’ex chef del San Giorgio di Genova, dove ha conquistato la stella Michelin, Graziano Caccioppoli.

Accanto alla nuova Carte ci saranno I Classici de La Gallina (dalla battuta agli agnolotti, dal risotto al Gavi, alla guancia) e due inedite nuove proposte di Graziano Caccioppoli, il menu Conosciamoci di quattro portate e Ci penso io una carta di 7 portate a cura dello chef, con una selezione dei piatti di cucina contemporanea che lo hanno portato alla stella Michelin. Un mix inedito fra tradizioni piemontesi ed estro partenopeo. Info su villasparinaresort.it.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...