25.9 C
Milano
14. 07. 2020 17:10

Crisi post-Covid: avvicinarsi, ascoltarsi e capirsi

Più letti

Le tracce della “talpa” della M4: crepe nel palazzo sul parco Solari

Gli appartamenti del civico 15 di viale Coni Zugna, affacciato sul parco Solari, sono rimasti "vittime" della talpa che...

Sala ancora sullo smartworking: «Che cosa fanno i commercianti se la città è vuota?»

Il sindaco Sala torna  a riaccendere il dibattito sullo smart working rilasciando un'intervista a Sky Tg 24. Le dichiarazioni. «È evidente...

Stazione Centrale, un giovane africano viene bloccato a terra dalla Polizia. Il video

Il gruppo delle "Sardine" ha pubblicato sul proprio canale Instagram un video in cui un giovane ragazzo di colore...

Il grado di successo della nostra uscita come città dalla crisi post-Covid dipenderà da molti fattori. Le scelte politiche sicuramente, quelle amministrative, lo scenario globale, il grado di fiducia che si saprà rigenerare.

 

Crisi post-Covid: cosa serve ora

Ma ci sono altri ingredienti fondamentali che dipendono esclusivamente da noi cittadini. Pazienza e tolleranza, innanzitutto.

La trasformazione, necessaria e urgente, della viabilità, che sta vedendo finalmente una poderosa accelerazione nel realizzare piste ciclabili, impone una nuova convivenza tra automobilisti, chi deve usare per forza un’auto o un furgone per lavorare, e i ciclisti.

Saper riconoscere, reciprocamente, le necessità, gli spazi, venirsi incontro sarà fondamentale più di regole, multe, interventi legislativi.

Crisi post-Covid: la nuova mobilità

È un fatto che migliaia di milanesi stiano scegliendo le due ruote per muoversi, è un fatto che altrettanti cittadini hanno bisogno di spostarsi in macchina. Così come serve tolleranza e pazienza rispetto alla “movida”, al mondo della ristorazione e dei bar, degli esercizi commerciali.

Lo spostamento all’aperto di molte di queste attività è una via obbligata. Non possiamo lamentarci della crisi, della chiusura di molti locali e luoghi, però al tempo stesso protestare per qualche rumore di troppo sotto casa.

Così come, al tempo stesso, l’occupazione di spazi all’aperto non può significare un “liberi tutti” irrispettoso degli altri. Ci sono diversi interessi in campo, ma quello più alto di tutti resta pur sempre il bene di Milano, la sua tenuta, la sua rinascita.

Ci sono ampi spazi per venirsi incontro, senza arroccarsi in ideologie e nel rifiuto di riconoscersi, nelle diverse ragioni che ognuno di noi ha.

Dipende innanzitutto da noi, dal grado di tolleranza, di pazienza e di dialogo che riusciremo a costruire tra cittadini, prima ancora che intervengano le istituzioni. Punti di possibile incontro ci sono, basta scegliere di avvicinarsi, di ascoltarsi, di capirsi.

In breve

Le tracce della “talpa” della M4: crepe nel palazzo sul parco Solari

Gli appartamenti del civico 15 di viale Coni Zugna, affacciato sul parco Solari, sono rimasti "vittime" della talpa che...

Sala ancora sullo smartworking: «Che cosa fanno i commercianti se la città è vuota?»

Il sindaco Sala torna  a riaccendere il dibattito sullo smart working rilasciando un'intervista a Sky Tg 24. Le dichiarazioni. «È evidente che una parte della città...

Stazione Centrale, un giovane africano viene bloccato a terra dalla Polizia. Il video

Il gruppo delle "Sardine" ha pubblicato sul proprio canale Instagram un video in cui un giovane ragazzo di colore viene inseguito dalla polizia in...

Zangrillo contro gli allarmismi: «È un mese che in Lombardia non si muore più di Covid»

Il dottor Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano ha lasciato nuove dichiarazioni in merito alla situazione all'interno degli ospedali. Come consueto, non...

Attenzione ai contagi di ritorno. Fontana: «Non possiamo permetterci un nuovo lockdown»

Il presidente della Regione Attilio Fontana traccia un quadro generale sull'andamento epidemiologico in Lombardia. Nell'intervista rilasciata al "Sole 24 ore" pone l'accento sulla necessità...

Potrebbe interessarti