23.4 C
Milano
22. 06. 2021 01:22

I furbi del ristorante in hotel

Fatta la legge, svelato l'inganno: ecco come i ristoranti potrebbe ancora sopravvivere dopo le 18.00

Più letti

Fatta la legge, trovato l’inganno. Esiste ancora un modo per concedersi una cena al ristorante? Se non abitate nelle province autonome di Trento e Bolzano, che hanno emesso ordinanze ad hoc per estendere l’orario dei locali fino alle 23.00, a Milano si può pernottare in hotel.

Tutto vero, visto che l’ultimo Dpcm del Governo consente agli alberghi l’apertura dopo le 18.00 con cene consentite ai soli clienti che effettivamente alloggiano nelle strutture. Che cosa significa concretamente? Qualche grande hotel milanese che accoglie chef stellati in cucina (Antonio Guida al Mandarin, Andrea Aprea all’Hyatt, Niko Romito al Bulgari) possono operare per i soli clienti dell’albergo.

Così vale anche per strutture meno blasonate e cucine più popolari. Le segnalazioni di qualche “furbetto” che tenta di offrire la camera a tariffe ridicole per aggirare la normativa ci sono già. La domanda sorge spontanea: non era meglio chiudere anche questi ristoranti, lasciando il solo servizio in camera per i clienti degli alberghi? L’auspicio è che il rispetto delle norme sia il più rigido possibile. Altrimenti, sarebbe una beffa ulteriore ai danni dei ristoratori che operano fuori dalle strutture alberghiere.

In breve

A Milano un giardino in memoria di Nilde Iotti

Alla presenza dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, del Presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé e dell’assessora alla Cultura...