4 C
Milano
21. 01. 2022 17:34

La cabina di regia discute l’obbligo vaccinale: una questione più politica che di salute

In cabina di Regia si sta discutendo sull'obbligo vaccinale. Ancora una volta si ha però la sensazione che la misura sia più una questione politica che di salute

Più letti

In questi minuti si sta svolgendo la cabina di Regia per decidere le prossime mosse utili ad arginare l’aumento dei contagi causato dalla variante Omicron. Una delle misure che si sta al momento valutando è il tanto chiacchierato obbligo vaccinale.

Obbligo vaccinale: salute o politica?

L’obbligo vaccinale è ormai argomento di discussione da diversi mesi. La politica si è costantemente divisa sull’argomento: la Meloni e Salvini asserragliati sul fronte del “No”, mentre gli altri più possibilisti, ma nessuno mai troppo intenzionato a fare passi concreti verso questa posizione.

Ora la situazione sembra cambiare un po’ dappertutto a livello europeo. La Germania ha imposto il lockdown per i non vaccinati e l’Austria è stato il primo paese ad introdurre l’obbligo vaccinale. E noi che faremo?

Questione di priorità

Purtroppo ancora una volta vediamo la bilancia del nostro paese pendere più dal lato della politica che da quello della salute. A tutt’ oggi siamo ormai tutti consapevoli che il vaccino rappresenta l’unica arma efficace contro la diffusione del Covid. Nonostante ciò si è preferito mettere in scena le diverse evoluzioni del Green Pass: dalla versione base al Super fino al Mega. Tutto in nome di un concetto astratto di libertà che ha in qualche modo legittimato le teorie dei complottisti della “dittatura sanitaria”.

giuseppe conte obbligo vaccinale

Lo scenario sembra oggi poter finalmente cambiare. La sinistra punta all’obbligo, la destra nicchia, ma lascia filtrare qualche apertura: la Lega potrebbe dire sì al vaccino obbligatorio per gli over 60. Il Movimento 5 Stelle sembra però non intenzionato a perdere il proprio elettorato No Vax. «Appare paradossale ragionare di obbligo vaccinale quando anche coloro che si rendono disponibili per la terza dose incontrano difficoltà a farla in tempi brevi», ha dichiarato ieri il neo leader pentastellato Giuseppe Conte.

Parlando con il senno di poi, l’obbligo vaccinale avrebbe forse evitato la marea No Green Pass, QR Code non funzionanti e tanto altro ancora. Tuttavia dietro le polemiche si nascondono tante persone con un diritto fondamentale: quello di voto. Ed è proprio nel segreto delle urne elettorali che si decide da che parte sta il potere. In fondo anche la peste nera terminò, figuriamoci il Covid.

 

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...