3.8 C
Milano
10. 12. 2022 10:34

I virologi che reclamano (di nuovo) spazio

Più letti

Chi pensava che la pandemia fosse alle spalle si sbagliava. Analogamente cadeva nella stessa tentazione illusoria chi credeva di aver messo definitivamente in soffitta i virologi che per due anni hanno invaso le televisioni, le radio, il web e tutti i media in generale.

Omicron 5 scatena i virologi

È un fatto inequivocabile che Omicron 5 sta prendendo sempre più piede nel nostro Paese. Ed è altrettanto un rischio concreto quello di ritrovarci con milioni di italiani in quarantena in un periodo dove solitamente i servizi già si riducono per via del periodo estivo. Abbiamo tolto le mascherine troppo presto? Secondo molti esperti sì, come Walter Ricciardi che ha già previsto un «autunno nero» senza sapere – lui come tutti i comuni mortali – quale sarà la durata della protezione che tre dosi di vaccino potranno garantirci.

Per Matteo Bassetti, invece, «l’unico modo per convivere è l’immunità passiva, da vaccini e naturale, di chi è entrato in contatto con il virus. Oggi fa meno male Omicron 5 scende meno nei polmoni, visto che il 98 % degli italiani ha gli anticorpi». Secondo Carlo La Vecchia, ordinario alla Statale di Milano di Epidemiologia e Statistica medica, «che un virus respiratorio si diffonda così in estate è preoccupante, ma le mascherine, anche per come vengono usate da molti, non è che possano molto contro questa sottovariante».

Insomma, siamo alle solite. Forse basterebbe solo rimarcare le poche regole rimaste e quella che vale sempre e comunque: prudenza e responsabilità nei luoghi affollati, specie se al chiuso.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...