10.1 C
Milano
26. 11. 2020 17:13

«Non molliamo lo sguardo di genere»

Più letti

Piano freddo, fino a 2.700 posti per i senza dimora

Con l'arrivo della stagione invernale scatta il Piano freddo del Comune di Milano per le persone senza fissa dimora,...

Oltre 200.000 lombardi per la prima fase di vaccini Covid-19

Saranno oltre 200.000 i soggetti coinvolti nella prima fase di somministrazione del vaccino Covid-19 in Lombardia, tra operatori sanitari,...

Aumento di cessioni “irrituali” di negozi

Sono raddoppiate, durante il coronavirus, le proposte "irrituali" di aiuto economico, acquisto dell'azienda a un valore inferiore a quello...

Questa è la storia di Diana De Marchi, nata a Milano da madre rumena. Sua mamma è una forza della natura. Passerà da un campo profughi all’essere la prima dirigente metalmeccanica in Italia.

Diana, dunque, cresce con la convinzione che tra uomo e donna non ci siano diversità e che tutto sia possibile. Diventando grande, capisce che le cose sono un po’ diverse e che la disuguaglianza tra generi è molto radicata.

Laureata in lingue, inizia a lavorare come traduttrice, ma sarà un convegno sull’innovazione didattica a farla appassionare ad un tema che non smetterà più di fare suo. Dal metodo di insegnamento ai testi scolastici, dagli anni Novanta l’emancipazione delle donne ha fatto passi da gigante.

La didattica prende atto che l’insegnamento delle materie (soprattutto scientifiche), va adeguato anche al genere femminile e sui libri di testo devono sparire frasi e vignette dove l’uomo viene rappresentato come colui che lavora e la donna come angelo del focolaio domestico.

Si è passati dalla cultura che la donna dovesse conciliare lavoro e famiglia alla condivisione dei compiti.

Questi i settori dove Diana De Marchi lavora fino al 2004, quando inizia ad insegnare e partecipa ad un corso sulle donne nelle politiche e nelle istituzioni. Nel 2007 diventa consigliera comunale per la Zona 7. Oggi è nel consiglio del Comune di Milano, presiede anche la Commissione per le Pari Opportunità ed insegna.

Il tema sulla violenza delle donne è forse quello che le sta più a cuore, ma non smette di spendersi anche per lo sguardo di genere. «Manca ancora flessibilità negli orari di lavoro. Bene introdurre il linguaggio di genere, ma c’è ancora tanto da fare sul bilancio che monitora le azioni amministrative per vedere le ricadute su donne e uomini. Un esempio su tutti, i trasporti.

Monitorando il tragitto di un uomo sui mezzi pubblici, durante il giorno, si riscontra una regolarità costante. Per le donne il tragitto è completamente irregolare, perché nell’arco della giornata devono incastrare impegni personali e famigliari». Bene, ma non benissimo.

Ancora tanta strada da fare, ma noi donne abbiamo compreso la direzione da prendere.

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Aumento di cessioni “irrituali” di negozi

Sono raddoppiate, durante il coronavirus, le proposte "irrituali" di aiuto economico, acquisto dell'azienda a un valore inferiore a quello...

Oltre 200.000 lombardi per la prima fase di vaccini Covid-19

Saranno oltre 200.000 i soggetti coinvolti nella prima fase di somministrazione del vaccino Covid-19 in Lombardia, tra operatori sanitari, sociosanitari e amministrativi degli ospedali...

Aumento di cessioni “irrituali” di negozi

Sono raddoppiate, durante il coronavirus, le proposte "irrituali" di aiuto economico, acquisto dell'azienda a un valore inferiore a quello di mercato, cessione delle quote...

Salone del Mobile 2021 si farà dal 5 al 10 settembre

La sessantesima edizione del Salone del Mobile di Milano in programma nel 2021 si svolgerà dal 5 al 10 settembre, e non nel classico...

Movida Delivery, dalla colazione al “buio” al panettone stellato

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione di Mi-Tomorrow dei migliori delivery. COLAZIONE...

Potrebbe interessarti