21.4 C
Milano
22. 05. 2024 13:44

No Vax in Lombardia? Un medico su dieci contro il vaccino

Gli ultimi dati sulla campagna vaccinale dall'assessore Moratti mostrano che l'11% del personale medico non si è voluta sottoporre all'inoculazione. Un dato che potrebbe minare il successo del vaccino stesso

Più letti

Quanti sono i “No Vax” in Lombardia? Ad oggi sappiamo che l’11% del personale sanitario non ha aderito alla campagna di vaccinazione anti-Covid. Si tratta di una prima e chiara indicazioni emersa dai numeri forniti dall’assessore regionale al Welfare Letizia Moratti.

In particolare, secondo il report ufficiale, il personale sanitario ha aderito per l’89%, gli operatori non sanitari per l’83%, gli ospiti della Rsa per il 91% e gli operatori Rsa per l’82%. Ora l’incognita è tutta sui tempi.

«Se non dovessero intervenire modifiche nel piano consegne, sappiamo che potremo avere il completamento della fase 1 per il 5 marzo – ha spiegato la Moratti -. Siamo in attesa della conferma del piano delle consegne, è stata trasmessa una ipotesi preliminare di completamento della fase 1 per il 5 marzo. Quindi prevediamo, alle attuali consegne, di avere il completamento della fase per quel giorno».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Tra le categorie inserite per la successiva fase, dopo il 5 marzo, ci sono la residenzialità psichiatrica, l’assistenza domiciliare, i centri diurni, i farmacisti, le confprofessioni (dentisti, odontoiatri), la sanità militare, la Polizia di stato, gli ambulatori accreditati, i medici liberi professionisti, gli informatori scientifici del farmaco.

Questa fase 1 bis dovrebbe chiudersi intorno al 25/26 marzo e da quel momento potrebbe partire la fase 2 che riguarda gli ultra ottantenni, che sono circa 700mila. A ruota arriveranno le persone che vanno dai 60 ai 79 anni, che in Lombardia sono 2 milioni. Poi i malati cronici e fragili indipendente dall’età.

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...