20.3 C
Milano
17. 09. 2021 23:46

Verde, da ogni punto lo si guardi: i giudizi del FantaMunicipio #35 e la classifica

Trentacinquesimo appuntamento con il FantaMunicipio tra il centro sempre più pedonalizzato e il primo caso urbano autosufficiente: il punto

Più letti

Il verde è ancora al primo posto. L’emergenza coronavirus ha rilanciato la necessità di poter usufruire di ampi spazi verdi e all’aperto, così da poter applicare con rigidità e in sicurezza le disposizioni fornite per la gestione dell’emergenza ancora in corso. Bellissima l’ipotesi sul tavolo di realizzare nella piazza d’Armi di Baggio, al Municipio 7, una scuola estiva per almeno diecimila ragazzi milanesi. Altrettanto belli i progetti per le nuove configurazioni di piazza Schiavone alla Bovisa e di via Rovereto in zona NoLo, che verrà – un po’ a sorpresa – alberata da zero, o quello per un tetto verde in una casa popolare della Barona al Municipio 6. I tetti verdi hanno un’importanza strategica e ancora sottovalutata: torneremo a parlarne.

 

Verde, da ogni punto lo si guardi. I voti del FantaMunicipio #35

Municipio 1

Un centro da togliere il fiato – Voto 9
Il centro di Milano diventerà sempre più bello, grazie ai nuovi progetti relativi a piazza Cordusio e piazza San Babila. Nella prima tornerà l’ellisse, con un intervento di circa 8 milioni di euro (metà da privati, metà da oneri di urbanizzazione), ma si toccheranno anche via Orefici, un tratto di via Dante, via Grossi e largo Santa Margherita. Quanto alla seconda, si creerà un’immensa area pedonale dalla futura stazione M4 fino all’università Statale (includendo largo Augusto, corso Europa e piazza Santo Stefano).

Municipio 2

Il progetto per via Rovereto – Voto 8
Ci siamo: il progetto definitivo della zona 30 di via Rovereto, sperimentazione nata dalla stoica passione di alcuni cittadini e di Genitori Antismog, è stato presentato dall’assessore Marco Granelli al Municipio 2 nell’ambito di una commissione relativa alla riqualificazione della mobilità di tutta la zona da NoLo a via Palmanova. L’attesa è stata ben ripagata: a sorpresa la via verrà alberata con doppio filare e verranno riproposti i raggi di sole dipinti nell’esedra del Trotter. Manca solo una postazione Bikemi.

Municipio 3

Prosegue il progetto Or.Me – Voto 7,5
Era il 2015 quando nasceva il grande progetto di Or.Me – Ortica Memoria, nel settantesimo anniversario della Liberazione, con l’obiettivo di raccontare la storia del Novecento italiano e milanese sui muri del quartiere un tempo frazione di Lambrate. Negli scorsi giorni è stato completato il dodicesimo lavoro sui venti previsti: racconta, sulla massicciata di via Tucidide e via Cavriana, i perseguitati e antifascisti di ogni appartenenza e orientamento politico, religioso e di genere.

Municipio 4

Connettere Rogoredo a Corvetto – Voto 6,5
Il cittadino Sergio, sulla piattaforma Partecipami, propone di connettere a livello ciclabile corso Lodi con Rogoredo stazione e la pista già esistente di via 8 ottobre 2001 vicino a San Donato. L’itinerario individuato è su via Boncompagni, parallela alla più trafficata via Cassinis. La proposta è di assoluto buon senso, un po’ perché fino a questo momento chi vive più a est rispetto a piazzale Corvetto è di fatto tagliato fuori e un po’ perché Santa Giulia è sempre più in via di espansione.

Municipio 5

Finalmente via Vaiano Valle – Voto 7
Ne avevamo recentemente parlato e adesso la chiusura alla circolazione automobilistica di via Vaiano Valle nei weekend è realtà: spazio a pedoni, biciclette e altri mezzi elettrici nel periodo compreso tra aprile e ottobre. Un peccato che non sia stato incluso anche il mese di marzo (come suggerito dall’assessore Granelli) e che non sia stata approvata la chiusura anche di notte (quando gli sversamenti di rifiuti avvengono con più facilità). Ma rimane una bella notizia.

Municipio 6

Tetto verde in via Russoli – Voto 8
Un orto di 3.500 metri quadri sui tetti di una casa popolare, in via Russoli alla Barona, trasformerà il complesso nel primo caso urbano autosufficiente. Completamente autonomo come produzione elettrica e anche per buona parte di quella alimentare, con 70 chili circa di frutta e altrettanti di verdura coltivati all’anno per ogni inquilino. Un sogno che si avvera grazie alla tenacia della progettista esperta di tetti verdi Tiziana Monterisi e al bando comunale Rinverdiamo Milano.

Municipio 7

L’idea d’Armi per la scuola – Voto 7,5
Una prima offerta sul tavolo, nell’ambito delle scuole estive previste per i ragazzi milanesi, riguarda piazza d’Armi: Invimit avrebbe offerto le sue aree (cinque ettari di prato, per 10.000 posti disponibili) in comodato d’uso gratuito fino ad ottobre. Per i costi dei servizi in campo due fondazioni, Cariplo e Aem, mentre il Comune si occuperebbe di coperture assicurative, vigilanza e gestione igienico-sanitaria. Le infinite possibilità di un’area preziosissima.

Municipio 8
Municipio 8

Municipio 8

I lavori per il parco  – Voto 7,5
Proseguono i lavori a CityLife per il parco e per l’area dove ci sarà il terzo accesso al parcheggio sotterraneo del complesso commerciale e terziario. Quanto all’area verde, questo spazio posto tra il centro commerciale e il MiCo sarà più grande di quella già esistente. A fine lavori, seppur gli avanzamenti procedano un po’ troppo a rilento, sarà il terzo parco pubblico più grande del centro dopo il Sempione e i Giardini Pubblici di Palestro.

Municipio 9

La nuova piazza Schiavone – Voto 8
Più verde, più alberi (16 nuovi), più spazi fruibili per adulti e bambini e maggior sicurezza: è pronto il progetto di riqualificazione per piazza Schiavone alla Bovisa, già presentato al Municipio. L’intervento prevede il ridisegno e l’armonizzazione della piazza, oggi divisa in due parti, una alberata e l’altra pavimentata. Si prevede, dunque, la demolizione delle scalinate e dei setti murari esistenti, che creano anfratti di difficile sorveglianza. Lavori durante l’estate per un costo di circa 200.000 euro.

In breve

Green Pass, Pregliasco: «Meglio l’obbligo vaccinale»

Mentre il green pass è stato esteso anche ai lavoratori del privato, c'è chi chiede misure più severe da...