8.9 C
Milano
05. 03. 2021 10:52

La scuola riparte a “rilento”: ecco chi riaprirà oggi

Con l'ingresso in zona arancione la scuola torna in presenza, ma non per tutti: i dettagli

Più letti

Si celebra la festa della donna: a che punto siamo con la parità di genere a Milano?

La festa dell’8 marzo è un’occasione utile per discutere della situazione femminile in città. I molti cambiamenti degli ultimi...

Milano, per la festa della donna occhio agli scioperi

Sarà una festa della donna probabilmente in zona rossa a Milano. Ma anche con uno sciopero generale proclamato per...

Sala attacca la Regione: «Con tutti gli errori fatti dovrebbero essere più umili»

Il sindaco Beppe Sala ha esspresso rammarico per le modalità con cui Regione Lombardia ha decretato il passaggio in...

Dopo due settimane di proteste ed occupazioni, gli studenti delle superiori tornano finalmente in classe. È però un rientro a rilento. Da un lato perché secondo il Dpcm si potrà garantire solo fino al 50% delle lezioni in presenza e dall’altro perché il passaggio repentino in zona arancione non ha permesso a tutti gli istituti di organizzarsi in tempo per la riapertura.

Uno su tre. A Milano gli istituti che riapriranno saranno in media uno su tre. «Esistono istituti con oltre 2 mila studenti – spiega il Prefetto Renato Saccone in un’intervista al Corriere -. Hanno avuto tempi stretti. Hanno bisogno di tempo per organizzarsi con le lezioni e gli insegnanti, e poi comunicare alle famiglie. Dunque, alcuni riapriranno dopo un giorno, altri dopo due o tre». Così alcuni istituti riapriranno le proprie porte martedì o mercoledì, mentre altri la prossima settimana.

Nell’area metropolitana, gli istituti scolastici superiori sono 253, per un totale di circa 150 mila studenti. Tra i 29 istituti che si sono confrontati con la prefettura, tredici apriranno questa mattina, 4 domani, 6 mercoledì, 1 giovedì, 4 direttamente lunedì prossimo. Le altre scuole stanno cercando di attrezzarsi in tempi rapidi, ma non è ancora possibile definire una data precisa.

Gli ingressi saranno scaglionati come previsto dal piano siglato da Prefettura e Comune ed elaborato con l’aiuto del Politecnico. «Circa il 35 per cento degli studenti entrerà entro le 8; il 15 per cento alle 9.30; per gli istituti con maggiore afflusso è prevista anche una “diluizione” degli ingressi in aula ogni 15 minuti — spiega ancora Saccone —. Abbiamo cercato di fare misure “sartoriali” per ogni istituto, calibrate con il potenziamento del trasporto»

In breve

Milano, per la festa della donna occhio agli scioperi

Sarà una festa della donna probabilmente in zona rossa a Milano. Ma anche con uno sciopero generale proclamato per...