25.4 C
Milano
17. 09. 2021 17:29

Vendita diretta a domicilio, il grido d’allarme del settore

Sinatra (Univendita): «Si ascolti e si tuteli un comparto in salute»

Più letti

Si discute molto di smart working, ma c’è una settore in cui il contatto umano è indispensabile e il vero valore aggiunto. È la vendita diretta a domicilio, comparto in salute, nonostante il boom dell’e-commerce: vale in Italia 3,6 miliardi di euro, occupa oltre 500 mila addetti e da dieci anni continua a crescere.

 

Vendita diretta a domicilio, l’allarme del settore

Ciro Sinatra
Ciro Sinatra

Il coronavirus ha picchiato duro anche qui e ora si chiedono attenzione e risposte. Portavoce è Univendita, la principale associazione del settore, cui aderiscono, tra gli altri, Avon Cosmetics, Tupperware e Vorwerk.

«Siamo colpiti duramente, come tutti gli altri settori del commercio – afferma il presidente di Univendita, Ciro Sinatra –, ma, analizzando lo scenario che si profila con la fase 2 dell’emergenza, possiamo dire che la vendita a domicilio è l’unica forma di commercio che coniuga il divieto di assembramento nei negozi fisici con il bisogno del cliente di toccare con mano il prodotto e avere un servizio personalizzato. Il futuro sarà pieno di sfide, come per tutti, ma la vendita a domicilio avrà un ruolo da protagonista e, di certo, non scomparirà».

Vendita diretta a domicilio, parla Ciro Sinatra

Cosa chiedete al governo in questa fase così delicata?
«In primis, che il bonus di 600 euro previsto dal decreto “Cura Italia” non dimentichi gli incaricati alla vendita a domicilio con partita Iva, una platea di 41.600 lavoratori autonomi: pretendiamo l’accoglimento di tutte le domande che gli incaricati alla vendita a domicilio hanno già presentato per il bonus a partire dal 1° aprile».

Sono andate irrimediabilmente perse le oltre 23 mila offerte d’impiego per il 2020 nel comparto?
«No. Quando si potrà ripartire, le aziende associate riprenderanno anche i loro normali programmi di reclutamento. Voglio ricordare che, proprio negli anni più difficili della crisi, il nostro settore ha svolto un ruolo anti-ciclico, offrendo opportunità d’impiego anche alle categorie più penalizzate dal mercato del lavoro».

Quali i vantaggi per chi sceglie di abbracciare questa professione?
«La vendita a domicilio è un settore in cui tutti possono mettersi in gioco: contano l’impegno, la passione e la professionalità messe in campo. Le competenze si apprendono grazie alla formazione costante e gratuita curata dalle aziende stesse. Tra i vantaggi, vi sono la flessibilità e la possibilità di conciliare efficacemente lavoro e impegni familiari».

vendita diretta a domicilio
vendita diretta a domicilio

In breve

Green Pass, Pregliasco: «Meglio l’obbligo vaccinale»

Mentre il green pass è stato esteso anche ai lavoratori del privato, c'è chi chiede misure più severe da...