Cinema Bianchini
Cinema Bianchini

Far rivivere uno dei simboli della cultura pop americana degli anni Cinquanta: con questo scopo il Cinema Bianchini, dopo aver fatto sognare persone di tutte le età trasmettendo la settima arte in luoghi affascinanti e particolari, apre un’ulteriore sala per il drive-in.

Il drive-in, simbolo della serie cult Happy Days e dello storico programma di Antonio Ricci degli anni ’80, sarà attivo dal 24 maggio e fino al 30 settembre ogni venerdì, sabato e domenica alle 21.30 (al prezzo di 10 euro, 20 forfettario per macchina): sarà possibile rivedere i migliori film della Library Mediaset comodamente seduti nelle proprie automobili e con un maxi schermo a disposizione. L’idea nasce dal gruppo MilanoCard di cui Cinema Bianchini fa parte, con la collaborazione di Città Metropolitana, Infinity e Fondazione Cineteca Italiana.

L’Idroscalo, il più antico idroporto d’Italia e in una fase di grande rilancio dopo alcuni anni di appannamento, è il luogo scelto per accogliere i cittadini. Sempre qui è in via di lancio un’altra iniziativa: il Cinema in Spiaggia, a bordo lago, sulle sdraio. Tra i titoli in programma spiccano La dolce vita, Il ciclone, Abbronzatissimi, Midnight in Paris, Ovosodo e Profondo Rosso. Prosegue, invece, all’interno dell’università Statale in via Francesco Sforza 32 fino al 15 settembre il Cinema in Giardino, che ha visto 4.000 spettatori in poco più di tre mesi. Non mancano, però, polemiche e critiche all’iniziativa.

Alcuni sostengono che l’iniziativa strida con la vocazione sportiva dell’Idroscalo: qui si corre, si pedala, si gioca a rugby e si tengono campionati di canottaggio e triathlon. Altri, come l’associazione Genitori Antismog, scrivono: «Segnaliamo questa brutta iniziativa che ci fa ripiombare di colpo negli anni ’60, quando l’auto era uno status symbol da ostentare sempre e comunque. Nel 2019 pensare di fare un cinema drive-in all’Idroscalo non solo è anacronistico e insostenibile, ma persevera ancora l’idea dell’auto come di un feticcio». Altri ancora temono che, complice il caldo dei mesi estivi, tutti i fruitori resteranno a motore acceso con aria condizionata.

Eventualità scongiurata dallo stesso Cinema Bianchini. I più, però, sono convinti che non si sentirà né si vedrà a livelli paragonabili a quelli a cui siamo ormai abituati. Cinema Bianchini specifica che saranno disponibili anche posti esterni per godere pienamente del parco: «L’idea è nata dal fatto che a oggi per arrivare all’Idroscalo i mezzi di trasporto pubblici non sono comodi e non sarebbe quindi possibile vivere di sera questo luogo».

Per compensare le emissioni, garantiscono, si impegneranno nella ripiantumazione di alberi. E ancora si legge: «Il 76% degli intervistati ha dichiarato che non sarebbe mai venuto di sera all’Idroscalo a causa della mancanza dei mezzi pubblici. Con questa soluzione stiamo ricevendo centinaia di prenotazioni di persone che non sarebbero diversamente venute a vivere questo splendido luogo. Più saremo e più sarà possibile rendere evidente, a chi ne ha le competenze, la necessità di potenziare il trasporto pubblico. In tutti i casi sono a disposizione anche posti per chi vorrà venire a piedi o in bicicletta».

—-

76%
gli intervistati che lamentano la carenza di mezzi per l’Idroscalo

100
i posti a sedere previsti in Bovisa

1933
l’anno in cui aprì vicino a Philadelphia il primo cinema drive-in al mondo

15
i film che, per ora, sono in programma all’Idroscalo

—-

E si replica in Bovisa

Tra i progetti vincitori del bando FabriQ Innovazione di quartiere, con il quale il Comune di Milano intende sostenere la rivitalizzazione delle aree periferiche della città, c’è Drive In/Bovisa. Anche in via Baldinucci, nel cuore del quartiere, tornerà il cinema dopo quasi un secolo di pausa. Qui, nell’ex Cinecittà milanese, aveva girato anche Luchino Visconti e all’ingresso di quello che oggi è un parco si intravede ancora la scritta sul muro Armenia Films (all’epoca una delle principali case di produzione cinematografica italiane). L’iniziativa è in programma da venerdì 14 giugno a giovedì 31 ottobre.

mitomorrow.it