4.4 C
Milano
30. 11. 2022 22:25

Affitti a Milano sempre più cari (e nuovi rialzi in vista): «Vivere qui è insostenibile»

Un tweet dello scrittore Jonathan Bazzi scatena il dibattito, i numeri parlano chiaro: i costi sono nuovamente aumentati

Più letti

Gli affitti a Milano sono sempre più cari e l’andazzo è destinato a peggiorare, con rialzi previsti del 9% e del 12%. Trentasette anni, legatissimo alla sua Milano che in un modo o in un altro è sempre al centro dei suoi libri, lo scrittore Jonathan Bazzi cita i dati più recenti di Nomisma e apre su Twitter la questione del carovita ormai insostenibile nelle citta.

Bazzi: «700 euro per una stanza»

«La situazione case a Milano è irreversibile – ha twittato Bazzi -. Ormai è prassi chiedere 700 per una stanza e almeno 1000 per un monolocale. E andrà sempre peggio. Questi standard non sono sostenibili, se non per pochi. Inizio a pensare che il mio futuro non sarà più qui, nella mia città». Un tweet che ha scatenato il dibattito in rete sul tema affitti a Milano.

Affitti a Milano, il dibattito

Qualcuno ricorda allo scrittore che Milano è una metropoli dalle mille possibilità e che «nessuno si scandalizza dei prezzi di Manhattan», altri fanno notare che a Palermo i prezzi sono ben diversi a fronte della presenza di un bel mare e di una vita culturale effervescente. Sono in tanti però ad unirsi al coro di disagio per i costi sempre più proibitivi del vivere.

L’opinione dei cittadini

«Se per pagarti un monolocale o una stanza devi fare tre lavori e comunque non arrivi mai a fine mese né puoi permetterti spesso una vita normale o una pizza il sabato, allora Milano non è vita per chi non è ricco di famiglia o ha un lavoro ben pagato», scrive Frances. «Vivere a Milano sta diventando insostenibile per tutt*, dalla spesa al super ad una cena fuori siamo alla follia completa», rincara Arianna. Qualcuno la butta sulla campagna elettorale: «Manca totalmente una politica di edilizia popolare! Il tetto non è più un diritto! Pensiamoci quando voteremo!».

I dati del 2021

I numeri confermano il rialzo dei prezzi degli affitti a Milano: dopo un 2020 con canoni in ribasso causa pandemia, il 2021 ha visto una ripresa dei canoni di locazione. Tra le grandi città Milano mette a segno uno dei recuperi più significativi: +5,6% per i monolocali, +4,9% per i bilocali, +4,2% per i trilocali. In media un monolocale in città costa 680 euro al mese, un bilocale 920 e un trilocale 1250 euro.

Affitti a Milano: i costi per ogni zona

Uno studio del gruppo Tecnocasa permette di individuare le zone più economiche e più care del capoluogo per quanto riguarda gli affitti. I monolocali più economici si trovano nelle periferie di Ponte Lambro e Villapizzone (400 euro in media), mentre i più cari a Garibaldi-Moscova (1.500). Per quanto riguarda i bilocali, i più economici sono nella zona nord di Varesina-Espinasse, Vialba e Villapizzone (650 euro), mentre i più costosi a Garibaldi-Moscova (2.500). Quanto ai trilocali, i meno cari sono affittabili a Quarto Oggiaro e, ancora, nella zona nord tra Vialba e Villapizzone (750-800 euro), mentre tra i più costosi ci sono quelli di City Life (3.000) e Garibaldi-Moscova (4.500).

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...