-0.2 C
Milano
09. 02. 2023 09:40

La truffa delle mail Pec a Milano: sequestrato mezzo milione di euro

Cos’è successo e come, indagine partita da Crotone

Più letti

La truffa delle mail Pec ha viaggiato indisturbata per tutta Italia, ora sono state perquisite sette persone anche a Milano grazie ad un’indagine partita da Crotone dove una delle vittime ha presentato una denuncia formale.

La truffa delle mail Pec, ecco cos’è successo 

Nel dettaglio la Polizia di Stato ha eseguito sette perquisizioni, su delega della Procura di Brescia, nelle province di Milano e Brescia. Queste perquisizioni avrebbero visto coinvolte sette persone che apparterrebbero ad un’organizzazione che truffava piccole e medie imprese in tutt’Italia. Il gip, il giudice per le indagini preliminari, ha deciso di mettere in pratica una serie di attività nei loro confronti: obbligo di dimora, presentazione alla polizia giudiziaria e sequestro preventivo di quasi mezzo milione di euro.

Da Crotone a Milano, la corsa della truffa delle mail Pec 

Il tutto è partito dalla città di Crotone, in Calabria, dove una delle vittime ha presentato una formale denuncia. Nel dettaglio il piano criminale prevedeva che queste persone utilizzassero mail e Pec apparentemente riconducibili ai principali istituti bancari italiani per promuovere falsi finanziamenti per l’industria. Si poteva accedere, sempre stante al contenuto della mail, a contratti di finanziamento per piccole e medie imprese garantiti da Cassa Depositi e Prestiti; ma per raggiungere questo bisognava sottoscrivere una polizza assicurativa, con versamento di un premio unico corrispondente al 1,2% o 1,4% della somma erogata. 

truffa delle mail pec
truffa delle mail pec

Soldi su conti correnti all’estero 

Il pagamento, poi, finiva su conti correnti esteri e poi sparivano. Una truffa che è stata fermata in tempo, visto che era ancora in corso. Con la Polizia di Crotone hanno collaborato quelle di Milano e Brescia. 

Come si fa ad avere una mail PEC? 

Ma come si fa ad avere una mail Pec? Per acquistarla basta registrarsi su molti portali che offrono questo servizio, come poste.it ad esempio, e procedere all’acquisto. Quindi, in sostanza, è assai facile poter avere a disposizione un indirizzo mail certificato per poi poterne fare l’uso che si vuole. Tutto questo nonostante la Posta Elettronica Certificata (PEC) sia il sistema che consente di inviare e-mail con valore legale equiparato ad una raccomandata con ricevuta di ritorno, come stabilito dalla normativa DPR 11 Febbraio 2005 n. 68. 

Che differenza c’è tra la PEC e la mail e quanto costa 

La PEC viene utilizzata per scrivere e inviare ufficialmente documenti alla Pubblica Amministrazione, ai cittadini, alle aziende private e così via. L’unica differenza tra una PEC e una email tradizionale sta nel valore giuridico della prima, assente nella seconda. Per il resto non cambia nulla tra queste due tipologie. I costi? Molto bassi. Si parla di una media di 15 euro all’anno.

In breve

FantaMunicipio #19: progetti per una “movida responsabile” nei quartieri

Il progetto Movida Responsabile gestito da Ala Milano Onlus ha interessato con un questionario duemila giovani sul consumo di...